in

Milan, l’assalto a Raspadori passa dalle cessioni

Il Milan è sulle tracce di Giacomo Raspadori. L’acquisto del centravanti del Sassuolo, però, passa da un tesoretto ricavabile dalle cessioni

Giacomo Raspadori, attaccante del Sassuolo @imagephotoagency
Giacomo Raspadori, attaccante del Sassuolo @imagephotoagency

Il Milan da tempo sonda il terreno per il vice Ibrahimovic. L’ideale per il duo mercato Maldini-Massara sarebbe un profilo giovane ma già pronto a reggere la pressione dei grandi palcoscenici. In quest’ottica rientra l’assalto a Giacomo Raspadori, centravanti del Sassuolo e della Nazionale. Il classe 2000 ha attirato su di sé l’attenzione di diversi big club, ma la valutazione del club neroverde fa tentennare i rossoneri. Il denaro necessario per tentare la trattativa arriva dalle cessioni, in particolare da quelle di Rafael Leao e Jens Petter Hauge: Maldini e Massara sperano di ricavare rispettivamente 25 e 15 milioni di euro, potendo così dare inizio alla rivoluzione.

Sullo stesso argomento
Milan, Kessiè rinuncia alle vacanze e torna a Milanello