in

Milan, non solo Ibrahimovic: gioco e consapevolezza, ora puoi sognare

Zlatan Ibrahimovic (Milan)
Zlatan Ibrahimovic (Milan) @Image Sport

Mancava solamente la prova del 9 per capire a che punto fosse il Milan e per che capire cosa ci si può aspettare dalla stagione di una squadra sempre più convincente ed unita. Il Milan ha vinto anche ieri, ha vinto e l’ha fatto ribadendo a tutti la propria forza e la propria organizzazione tattica. Il crush test del derby era stato superato a pieni voti ma non senza qualche sofferenza e ora, con la vittoria di Glasgow, i rossoneri non possono più nascondersi dai sogni e dalle ambizioni più alte.

Il leader tecnico di questo gruppo di giovani, Ibrahimovic, era stato chiaro alla fine della gara contro l’Inter: “Lo Scudetto? Bisogna crederci e provarci”. Lo svedese ancora una volta si è dimostrato il parafulmine di una squadra giovane e poco esperta ma che con la sua ombra può crescere in maniera importante.

La gara di ieri, poi, ha fatto vedere quanto Pioli sia stato determinante. I progressi si erano già visti a partire dallo scorso anno ma in questa stagione confermarsi non era facile ed è per questo che il Milan può davvero credere nell’impresa. I 12 punti in 4 gare di campionato, che diventano 15 con la vittoria in coppa di ieri, sono un cammino importante che forse neanche i milanisti più ottimisti si sarebbero mai aspettati.

LEGGI ANCHE  Napoli-Milan 1-3, i rossoneri battono Gattuso: Ibrahimović sugli scudi

FOOTBALLNEWS24 CONSIGLIA

Quel che dà più fiducia, però, è l’inserimento delle seconde linee. Da Krunnic ad Hauge, passando per Dalot e Tonali, tutti ieri sera hanno dato il massimo e non hanno di certo fatto pesare l’assenza dei titolari. Il Milan è una squadra, cosa che mancava da anni, e questo è certamente merito del lavoro fatto e degli uomini che stanno lavorando per riportare in alto i colori rossoneri. La gara di lunedì è un altro test fondamentale e forse la prova per capire a che punto sia questo Milan.

Commenti

Lascia un commento

Loading…

0

Vota Articolo

749 points
Upvote Downvote
Gennaro Gattuso, allenatore del Napoli

Napoli, nulla oltre al “solletico”: Gattuso non emuli Sarri

Fiorentina, Dragowski è una certezza: pronto il rinnovoCalciomercato Fiorentina, pronto il rinnovo di Dragowski

Fiorentina, Kulesza su Dragowski: “Felice a Firenze, ma per il rinnovo…”