Array

Milan, Pioli per la rivoluzione ma la rosa preoccupa

Il Milan ha scelto Pioli dopo l'esonero di Giampaolo: Paolo Condò commenta la scelta dei rossoneri e analizza la rosa a disposizione del Diavolo

Milan, Condò dice la sua sulla scelta di Pioli e sull’esonero di Giampaolo

Pioli dentro, Giampaolo fuori. Questa la scelta del Milan, dopo solamente 9 punti conquistati in 7 gare con il tecnico ex Sampdoria e un gioco mai realmente sbocciato. Adesso starà al tecnico originario di Parma provare a ribaltare l’avvio disastroso dei rossoneri, cercando di salvare il salvabile e risalire la classifica. A questo proposito si è espresso Paolo Condò che, in diretta su Sky Sport 24, ha analizzato i recenti fatti che hanno riguardato il Milan: “Pioli ha dimostrato di saper migliorare le situazioni negative, non di portarle al trionfo se non nel caso della Lazio. Per lui è una storia nuova che merita di essere giudicata in base a quello che saprà fare. Mi dispiace che il Milan abbia mandato via Giampaolo, ha patito il salto in un grande club e secondo me con il tempo avrebbe fatto bene. A parte questo, Pioli merita di essere giudicato per quello che farà e non per il passato. Rosa rossonera? Attualmente è inferiore alle due romane, all’Atalanta e alle prime tre, ovvero Juventus, Inter e Napoli. A Pioli ora il compito di smentirmi“.