in

Milan, stop a Belgrado: non basta Theo, finisce 2-2

Donnarumma (Milan)
Donnarumma (Milan)

Stankovic frena Pioli nella sfida d’andata dei sedicesimi di Europa League, tra Stella Rossa e Milan. Finisce 2-2 una gara tesa, ma lungamente ben condotta dai rossoneri. E ciò, per come è maturato il pari, aumenta ancor di più i rimpianti in una notte comunque positiva

Un risultato che lascia l’amaro in bocca su un campo storicamente difficile, attenuato dall’assenza di un pubblico altrimenti infuocato. La gara di Europa League tra Stella Rossa e Milan è sintomo di storia di un altro calcio, quando si giocava nell’allora Coppa dei Campioni. Nei sedicesimi dell’ex Coppa Uefa, però, le due squadre si danno ugualmente battaglia e regalano un match dai tratti equilibrati.

Finisce 2-2 con rimpianto finale per il Milan, che si trova due volte in vantaggio. Il primo allo scadere di un primo tempo ben condotto, anche se caratterizzato da qualche imprecisione. Lo zero a uno è un autogol di Pankov, in collaborazione con il portiere Borjan, su pallone messo in mezzo da Samu Castillejo. Lo spagnolo merita una menzione d’onore nella sfida di stasera, in cui si è dato da fare partendo da destra ma spesso ritrovandosi alle spalle di Mandzukic. Lo stesso che, con un prezioso e sporco lavoro ha aiutato la formazione di Pioli in un momento complicato. Ma alla fine del match, non è evidentemente bastato.

Mario Mandzukic, attaccante del Milan
Mario Mandzukic, attaccante del Milan

Milan, che beffa: Pavkov pareggia al 93′

L’approccio alle gare europee dev’essere pulito, cinico e senza un attimo di distrazione, come ha imparato a sue spese la Juventus contro il Porto. Pena la ritrovata fiducia di un avversario sulla carta inferiore e al Milan contro la Stella Rossa accade la stessa cosa. Il merito dei rossoneri è quello di non crollare dopo l’ingenuità di Romagnoli, che tocca di mano in area e regala un rigore alla compagine di Stankovic. Kanga è freddo, ma lo sarà qualche minuto dopo anche Theo Hernandez, anch’egli su calcio di rigore. Il demerito, allo stesso tempo, è quello di staccare la spina nell’ultima occasione. Qui il subentrato Pavkov batte Donnarumma al 93′, regalando un pari insperato ai suoi.

Dejan Stankovic, ex Inter e Lazio, allenatore della Stella Rossa
Dejan Stankovic, ex Inter e Lazio, allenatore della Stella Rossa

La partita si è rivelata tesa, vista l’espulsione di Rodic per la Stella Rossa e con le panchine da “derby” di Pioli e Stankovic che rischiano spesso di venire a contatto, dopo qualche parola grossa amplificata da uno stadio praticamente vuoto. I biancorossi di casa provano spesso a cercare Diego Falcinelli, vecchia conoscenza del nostro calcio, ma ha più fortuna il Milan con Mario Mandzukic. Il croato, insieme all’onnipresente Meite, non fa rimpiangere Ibra in quanto a lavoro di sponda, perdendo fisiologicamente lucidità nelle fasi finali del match. E come lui, la retroguardia rossonera.

Pioli ha avuto buone risposte dalle sue seconde linee, lasciando a riposo diversi elementi. Qualcuno di troppo, forse? L’andamento della gara lo aveva comunque premiato, mostrandogli un Milan attento e non esposto a particolari rischi. Ma l’Europa League sa essere imprevedibile e la beffa sul finale può far male. Tuttavia, il risultato e la prova restano positive ed incoraggiano in vista del ritorno.

Gigi Buffon portiere della Juventus

Bestemmia in Parma-Juventus: Buffon, arriva la multa

Edin Dzeko attaccante della Roma

Braga-Roma 0-2: tutto facile per i giallorossi