in

Milan, tesoretto per il calciomercato: dalla UEFA un minimo di 45 milioni

Nonostante l’eliminazione in Champions League, Il Milan si assicura un tesoretto minimo di 45 milioni dall’UEFA da poter reinvestire sul mercato

Paolo Maldini-Stefano Pioli-Frederic Massara (Milan)
Paolo Maldini-Stefano Pioli-Frederic Massara (Milan) @Image Sport

Nonostante l’eliminazione della Champions League per mano del Liverpool, il Milan si assicura una buonuscita minima di 45 milioni di euro da parte dell’UEFA. I proventi arrivano dai 15,64 milioni dal bonus partecipazione e dai 17,1 milioni di euro per il ranking storico/decennale. La prima quota del market pool (sulla base della posizione in Serie A nel 2020/21), porta nelle casse rossonere 6 milioni di euro, mentre la seconda quota, invece, può essere solo stimata, perché dipende dal piazzamento delle altre italiane: meno strada fanno e più i rossoneri incassano. Questo tesoretto consentirà alla dirigenza del Diavolo di intervenire sul mercato alla ricerca di un rimpiazzo di Simon Kjaer, vittima di un infortunio che lo terrà fuori fino al termine della stagione.