in

Milan, tornano Ibrahimovic e Kessié: la rinascita dei due campioni

Il Milan si prepara ad affrontare una settimana di fuoco con tre incroci pericolosi: Lazio e Juventus in campionato, in mezzo la trasferta di Liverpool in Champions League. I rossoneri potranno contare sul ritorno di due suoi campioni vogliosi di riscatto, ovvero Zlatan Ibrahimovic e Franck Kessié

Zlatan Ibrahimovic e Franck Kessie, esultanza
Zlatan Ibrahimovic e Franck Kessie, esultanza

Tre prove di maturità

In casa Milan sta per iniziare una settimana fondamentale per dare subito un’impronta positiva alla propria stagione: domani alle 18 la sfida alla Lazio nella cornice di San Siro, mercoledì alle 21 il grande ritorno in Champions League dopo 7 anni con l’affascinante confronto di Anfield contro il Liverpool e per chiudere la trasferta dell’Allianz Stadium contro la Juventus domenica prossima alle 20:45.


Leggi anche:


Un trittico di partite molto impegnative, ma che faranno capire le reali ambizioni dei rossoneri in quest’annata calcistica: saranno tre prove di maturità da superare, se non con un tris di successi, almeno con prestazioni convincenti e uscendo dal campo sempre a testa alta. Le sensazioni di mister Pioli e di tutto il suo staff tecnico sono positive, anche perchè non ci sono nazionali sudamericani rientrati in extremis e soprattutto perchè nel match coi biancocelesti ci saranno dei rientri importantissimi, quelli di Zlatan Ibrahimovic e Franck Kessié, due campioni che vogliono rinascere.

Ibrahimovic (Milan)
Ibrahimovic (Milan)

Un egocentrico al servizio del Diavolo

Il ritorno del centravanti svedese è stato a lungo auspicato dai tifosi rossoneri: da quel 9 maggio, giorno dell’infortunio al ginocchio patito alla terz’ultima giornata dello scorso campionato nella partita contro la Juventus, è partito un conto alla rovescia che sta per arrivare allo zero. Il classe 1981, che ha dovuto saltare gli europei con la sua nazionale a causa di questo stop, ha vissuto un’estate all’insegna del lavoro per recuperare nel più breve tempo possibile, senza però forzare troppo, considerato il rischio di ricadute e l’età, ormai prossima ai 40 anni.

Adesso, dopo aver visto il campo da spettatore nelle prime due giornate, è tempo di riassaggiare l’erba del rettangolo verde: Zlatan potrebbe addirittura partire titolare, complice l’incertezza riguardo alla situazione di Giroud, risultato negativo al Covid solo ieri sera, ma in ogni caso è in ballottaggio con Rebic e Pellegri e non giocherà più di 45-60 minuti, visto che non è ancora al 100%. Il suo rientro resta comunque di fondamentale importanza per la squadra, in quanto Ibrahimovic è un calciatore molto sicuro dei suoi mezzi e pensa di essere il migliore al mondo, ma quando è in campo o in panchina non si tira indietro nel guidare e aiutare i suoi compagni: è un egocentrico al servizio del Diavolo.

Franck Kessiè (Milan)

Il Presidente oltre tutto e tutti

L’altro big che riprenderà il suo posto nella formazione rossonera è Franck Kessié: il centrocampista ivoriano, dopo lo stop muscolare di qualche settimana fa che l’ha costretto a saltare le prime due sfide di Serie A, è pronto per riprendersi le chiavi della mediana, probabilmente in coppia con Tonali. Il classe 1996 avrà voglia di dimostrare di essere davvero attaccato alla maglia del Milan, di essere un vero leader e di voler dare tutto per il suo club.

Chiaramente, la questione contratto conta, ma non deve influenzare le prestazioni del giocatore, il quale avrà l’occasione già da domani pomeriggio di comportarsi da professionista, senza pensare alle voci di mercato che lo riguardano. Il Presidente vuole andare oltre tutto e tutti, vuole rispondere alle critiche sul campo, essendo semplicemente quel calciatore che si trova dappertutto in qualsiasi momento della partita, essendo dominante a centrocampo, essendo freddo dal dischetto, insomma, essendo sè stesso.