in

Milan, un 2-2 che va stretto: la testa era già al derby?

Stefano Pioli, allenatore del Milan @Image Sport
Stefano Pioli, allenatore del Milan @Image Sport

Il pensiero che qualcuno fosse già proiettato al derby di domenica è legittimo ma non potrebbe essere altrimenti. L’occasione sarebbe così ghiotta che non farlo, quasi, non sarebbe umano. Il 2-2 di ieri, però, non è un risultato da buttare.

Le scelte di Pioli fanno pensare: il derby è sembrato un fattore

“Voltiamo pagina e non pensiamo al derby” è stato solo un messaggio pubblico. O almeno questo è quello che ci portano a pensare le scelte di ieri di Stefano Pioli. Il Milan di ieri, possiamo dirlo senza timore di essere smentiti, era un Milan rivisitato e pieno di riserve. I cambi tattici, infatti, erano consistenti e i soli tre veri titolari sono bastati per rimandare tutto alla gara di ritorno. Il 2-2, in ogni caso, dà un piccolo vantaggio ai rossoneri che per passare il turno potrebbero accontentarsi anche di un misero 0-0. L’importante, insomma, e non perdere la testa e quindi la gara di San Siro. Il derby, questo pare evidente, ha influito nelle scelte di Pioli che ha preferito preservare alcuni dei giocatori più importanti e più utilizzati in questo periodo.

Milan, esultanza gol del momentaneo 1-1 di Davide Calabria @Image Sport
Milan, esultanza gol del momentaneo 1-1 di Davide Calabria @Image Sport

L’attacco, ad esempio, che non è stato efficace come al suo solito, ma neanche così poco incisivo, è stato cambiato per quattro e quarti e, nonostante ciò, il Milan ha continuato a creare e a giocare, seppur a corrente alternata, un buon calcio. La difesa, poi, ha retto e Donnarumma in alcune occasioni ha contribuito a risolvere situazioni che sarebbero potute diventare davvero scomode. Il Milan ora deve e può pensare al derby dopo essersi tolto il “disturbo” di un impegno europeo che è arrivato nel peggiore dei momenti.

Stefano Pioli, allenatore del Milan @Image Sport
Stefano Pioli, allenatore del Milan @Image Sport

La gara di domenica è decisiva e può dire molto sul futuro del Milan che può tornare in testa alla classifica ed effettuare quel controsorpasso che stempererebbe il sogno Scudetto dell’Inter. Le scelte di ieri si sarebbero potute rivelare sbagliate e avrebbero potuto complicare il cammino europeo ma il Milan sembra essere una squadra unita e forse, anche per questo, alla fine, ha avuto ragione Stefano Pioli. La testa ora è libera e il campionato è li che aspetta il derby più importante degli ultimi 10 anni.

Gennaro Gattuso, allenatore del Napoli @Image Sport

Napoli, punto e a capo: Gattuso quasi fuori!

Antonio Conte, allenatore dell'Inter @imagephotoagency

Inter, Eriksen-Brozovic: Conte conferma il doppio play?