Menu

Morto Diego Maradona

Muore Diego Armando Maradona: El Pibe de Oro saluta il mondo del calcio

Ha del clamoroso l’ultima notizia arrivata dall’Argentina: è morto Diego Armando Maradona a pochi giorni dal 60esimo compleanno. Come riferito in Diretta dalla CNN sarebbe stato fatale un arresto cardiaco.

La sua mortalità viene resa nota forse solo adesso, ricordando la più recente operazione d’urgenza alla testa per rimuovere un’ematoma subdorale, e infine per la sua prematura morte dopo un arresto cardiaco.
Napoli perde parte di sé e piange quella che è stata la figura della rinascita.
“Avevamo trovato le stelle, tu e io”. E Pelé continua: “Ci sarà un giorno che torneremo a giocare a calcio e lo faremo da lassù”.

Diego Maradona, l’argentino che fece brillare Napoli

Diego Armando Maradona è il nome che costantemente risuona tra le strade, i vicoli e i bassifondi di Napoli. Un nome che ha portato con sé la forza della rivoluzione, la bellezza del calcio, il sogno di una città.
Nasce a Lanùs, in Argentina il 30 ottobre 1960 in un ambiente povero che ben presto sta stretto a Diego, il quale trova alla tenera età di 15 anni nel pallone il suo alleato più grande dapprima nella squadra del padre l’Estrella Roja poi nelle giovanili dell’Argentinos Juniors con cui debutta in prima squadra nel 1976. Cinque anni dopo viene acquistato dal Boca Juniors, squadra tifata dal padre, che però dovette venderlo solo un anno dopo a causa di problemi economici al Barcellona.

Maradona, tra Napoli e Siviglia
Maradona, tra Napoli e Siviglia @Image by Footballnews24.it

L’esperienza in Spagna non è delle migliori per l’argentino, che non si ambienta completamente e soffre ma nel 1984 arriva un bagliore di speranza, per lui e forse ancor di più per un intero popolo; la trattativa per portare Maradona a Napoli fu una splendida follia: blitz a Barcellona, rilanci continui, tempi lunghi, fiati sospesi. Poi la fumata bianca. Diego Armando Maradona a 23 anni diventa un calciatore del Napoli, che aveva concluso la sua ultima stagione al settimo posto e che in quel momento aveva fortemente bisogno di risalire, e con Maradona il Napoli risale eccome: arriva in alto, sulle stelle.

Con Maradona, il Napoli conquista 2 scudetti, una Coppa Uefa, una Coppa Italia e una Supercoppa Italiana ma soprattutto conquista la libertà: la città si spoglia della sua povertà, della sua brutta fama e indossa un abito nuovo, quello del prestigio; Napoli diviene il nuovo Olimpo in cui Diego viene incoronato come unica divinità.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ti potrebbe interessare

Back to Top

Ad Blocker Rilevato!

Il nostro è un giornale gratuito ed offriamo informazione regolarmente tutti i giorni senza richiedere alcun abbonamento. Le nostre uniche fonti di guadagno provengono dalle campagne pubblicitarie presenti sulle pagine del nostro portale. Per continuare a sfogliare le nostre pagine disattiva Ad Blocker per permetterci di continuare a coltivare le nostre passioni. Grazie mille e continua a leggere le pagine di Footballnews24.it

How to disable? Refresh

Add to Collection

No Collections

Here you'll find all collections you've created before.