in

Nainggolan aspetta Cagliari, l’addio all’Inter è servito

Radja Nainggolan, centrocampista dell'Inter
Radja Nainggolan, centrocampista dell'Inter

L’arrivo all’Inter di Arturo Vidal ha messo la parola fine anche alle tiepide speranze di poter vedere in campo Radja Nainggolan nella squadra di Antonio Conte. Come successo nella scorsa stagione, quando il ninja fu trasferito in prestito al Cagliari, nelle ultime ore si starebbe lavorando per riportare il centrocampista belga ex Roma alla corte di Eusebio Di Francesco in Sardegna.

Il giocatore vuole Cagliari ed il Cagliari vuole Nainggolan. Questo è già ampiamente definito ma l’operazione per il trasferimento del giocatore in Sardegna non sarebbe proprio delle più semplici. L’Inter, partendo dalla società proprietaria del cartellino del giocatore, starebbe spingendo per una cessione definitiva del giocatore e chiederebbe una cifra che si aggirerebbe intorno ai 10-12 milioni di euro per la cessione. Il Cagliari, dal canto suo, preferirebbe una formula un pò diversa, giocando le proprie carte sulla base del prestito con obbligo di riscatto nella prossima stagione ma a cifre decisamente inferiori. C’è poi il nodo legato all’ingaggio del calciatore, non proprio economico, soprattutto per le casse della società sarda. 4.5 milioni che farebbero girare la testa a qualsiasi società, soprattutto a quella di Giulini che, nel frattempo, preferirebbe spalmare l’oneroso compenso su più anni, magari anche 4, confidando poi nella possibilità che lo stesso Nainggolan decida di venire incontro alla società, rinunciando, perché no, anche a qualche euro. Affare sul quale si starebbe lavorando, con Di Francesco che vorrebbe avere in gruppo il ninja già per la delicata sfida contro la Lazio o, al massimo, anche contro l’Atalanta per la gara del 4 ottobre.

Vota Articolo

749 points
Upvote Downvote
Fabio Paratici dirigente della Juventus

Calciomercato Juventus, è già tempo da vice Morata: nuovo colpo di Paratici

Esposito attaccante dell'Inter

Inter, Esposito ai saluti: intesa raggiunta con la SPAL