in

Napoli, da Milik a Ounas: quale futuro per gli azzurri in prestito?

Tempo di scelte in casa Napoli, dove tiene banco la questione prestiti: gli addii saranno diversi, ma non mancheranno alcune sorprese sotto la guida di Luciano Spalletti

Arek Milik (Napoli) @Image Sport
Arek Milik (Napoli) @Image Sport

Verso la cessione

Dopo aver sistemato la grana allenatore con l’ingaggio di Luciano Spalletti, per il Napoli è ora di iniziare a programmare una stagione che dovrà essere quella del riscatto, dopo la mancata qualificazione in Champions. Tra le tante scadenze, il direttore sportivo Giuntoli dovrà risolvere la questione relativa ai rientri dai prestiti. In tanti torneranno, ma altrettanti saluteranno di nuovo: la rosa va puntellata, non ampliata.

Il destino di quasi tutti i giocatori che erano in prestito nella passata stagione sarà lontano dal Vesuvio. Quello di Arkadiusz Milik si divide tra la conferma nel Marsiglia e l’ipotesi Juventus, con i francesi vincolati dall’obbligo di riscatto. Per Malcuit, Tutino e Ciciretti il futuro è ancora da decifrare, dato che hanno deluso nelle loro ultime esperienze e non verranno riscattati dalle loro attuali squadre. Si cerca una proposta vantaggiosa per lasciarli partire e per ammorbidire il monte ingaggi. Più facile capire il destino di Zinedine Machach: il franco-marocchino in prestito al Vitesse nella scorsa stagione, infatti, lascerà a parametro zero data l’imminente scadenza di contratto il prossimo 30 giugno.

Kévin Malcuit, difensore della Fiorentina
Kévin Malcuit, difensore della Fiorentina

Nuovo giro di prestiti

Non finisce qui, però, il giro di rientro dai prestiti in casa Napoli. Gianluca Gaetano, Michael Folorunsho, Filippo Costa, Eugenio D’Ursi e diversi altri prodotti della Primavera azzurra, infatti, potrebbero salutare di nuovo il Vesuvio nella prossima estate. Questi calciatori, seppur vengano considerati come possibili campioni del futuro, vengono descritti come troppo acerbi dagli osservatori e non è escluso che possano fare delle altre esperienze magari in squadre di categorie inferiori per crescere ulteriormente. Questo dubbio, comunque verrà sciolto subito dopo i primi giorni di ritiro, quando Spalletti testerà ognuno di loro. E magari concederà ai tifosi del Napoli qualche sorpresa inaspettata.

Ounas (Cagliari)
Ounas, qui con la maglia del Napoli

Ipotesi Ounas

Per quanto riguarda i giocatori che dopo i prestiti potrebbero restare sotto il Vesuvio, due sembrano quelli maggiormente indiziati. Stiamo parlando di Amin Younes autore di una discreta stagione nell’Eintracht Francoforte ed Adam Ounas, una delle poche note liete di un Crotone deludente, arrivato penultimo nello scorso campionato di Serie A. Proprio quest’ultimo potrebbe far comodo al classico sistema di gioco di Luciano Spalletti, risultando un’arma letale per il tecnico.

Si prospettano quindi giornate di fuoco per il Napoli, la missione è chiara vendere per rinforzare la rosa. E privarsi di qualche esubero, permettendo ai numerosi talenti in casa di crescere altrove, rappresenterebbe una strategia da non sottovalutare.

Plea, attaccante del Borussia Monchengladbach e Barella, centrocampista dell'Inter @Image Sport

Inter, duello per Barella: sondaggio del Bayern Monaco

Marchisio giurà fedeltà allo Zenit e alla Juventus per il passato bianconero

Italia, Marchisio difende gli Azzurri: “Non c’è limite a nulla”