in

Napoli, è l’anno di Osimhen: per Spalletti è un giocatore chiave

La passata stagione di Victor Osimhen al Napoli ha avuto alti e bassi a causa degli infortuni, ma ora c’è voglia di riscatto con Spalletti

Osimhen (Napoli) @Image Sport
Osimhen (Napoli) @Image Sport

L’arrivo di Victor Osimhen

Il 31 luglio 2020 il Napoli annunciò l’arrivo del centravanti Victor Osimhen dal Lille. Dopo una stagione da protagonista in Ligue 1 con 13 goal e 4 assist in 27 partite, il presidente del Napoli Aurelio De Laurentiis riuscì a strappare il talento classe ‘1998 al club francese versando circa 50 milioni di euro a cui si aggiungevano diverse contropartite tecniche per un totale di 20 milioni. Il calciatore nigeriano divenne così il giocatore più pagato nella storia del club partenopeo.

[irp]

Le aspettative su Osimhen erano altissime, tanto che l’ex tecnico del Napoli Gennaro Gattuso aveva studiato un modulo che potesse mettere in risalto le qualità del giocatore: veloce e difficile da contenere, con un buon dribbling e bravo sotto porta. Il modulo utilizzato fu il 4-2-3-1, che vedeva Osimhen ad agire da punta e a suo supporto giocatori di qualità come Lorenzo Insigne, Dries Mertens/Piotr Zieliński e Hirving Lozano/Matteo Politano. Già una settimana dopo l’arrivo, il nigeriano fu protagonista nella prima amichevole estiva del Napoli contro il Teramo, vinta per 4-0 con sua tripletta, poi decisivo anche nella vittoria dei partenopei per 4-1 contro l’Atalanta nella quarta giornata di campionato in Serie A.

Dries Mertens e Victor Osimhen, attaccanti del Napoli
Dries Mertens e Victor Osimhen, attaccanti del Napoli

Una stagione di alti e bassi

Non sempre le cose vanno come vorremmo ed i piani di una intera stagione a volte rischiano di essere completamente stravolti da eventi fortuiti: gli infortuni. Dopo una buona partenza con 2 goal e 1 assist in 7 partite alla prima esperienza in Serie A, Osimhen si fratturò il polso a pochi minuti dalla fine della partita con la sua nazionale contro la Sierra Leone, finita 4-4; l’attaccante nigeriano venne trascinato fuori in barella, ma sembrava si potesse escludere il peggio.

Proprio quando sembrava sulla via del ritorno, arrivò un altro intoppo per il giocatore: il primo gennaio venne trovato positivo al Covid-19 e messo immediatamente in isolamento. Intanto, gli infortuni continuavano a giocare un ruolo decisivo per la stagione del Napoli, che aveva perso per infortunio anche l’attaccante Dries Mertens.

[irp]

Il 24 gennaio 2021 Osimhen tornò finalmente in campo da subentrato nella partita del 19° turno contro l’Hellas Verona, portandosi dietro gli strascichi dell’infortunio e del Covid-19. Bisognerà aspettare il 7 marzo per il suo ritorno al goal, nella partita contro il Bologna in cui il Napoli si impose per 3-1. Un’importante iniezione di fiducia per il centravanti nigeriano, che da lì sarà inarrestabile e metterà a segno 8 dei suoi 10 goal stagionali nelle ultime 13 partite di campionato, diventando un vero punto di riferimento per il gioco del Napoli.

D’altronde i numeri parlano chiaro: nelle ultime 13 giornate, i partenopei hanno raccolto 10 vittorie, 2 pareggi e una sola sconfitta, tenendo una media di 2,4 punti a partita, mentre nelle 13 gare senza il nigeriano, la media punti era stata di 1,7 con 7 vittorie, 2 pareggi e 4 sconfitte.

Esultanza Osimhen (Napoli) @Image Sport
Esultanza Osimhen (Napoli) @Image Sport

Arriva una nuova stagione

Da ferite e delusioni spesso possono nascere grandi reazioni: per Victor Osimhen è stato così. Il centravanti nigeriano aveva fomentato i tifosi nelle prime partite da protagonista e poi, dopo essere sparito dai radar per qualche mese, è tornato per dimostrare di essere il calciatore giusto per il Napoli. Il nuovo allenatore Luciano Spalletti è conscio delle abilità del calciatore ed intende metterlo al centro del suo progetto: il tecnico fiorentino può essere l’allenatore giusto per la definitiva consacrazione del calciatore ex Lille che, infortuni permettendo, vuole dimostrare il suo valore giocando un’intera stagione ad alti livelli.

[irp]

Proprio con Spalletti l’ex attaccante dell’Inter Mauro Icardi conquistò il titolo di capocannoniere e fu autore di 29 goal in 34 partite, al pari del centravanti della Lazio Ciro Immobile. Allora ci siamo: la nuova stagione della Serie A prenderà il via il 22 agosto, con il Napoli che esordirà nello Stadio Diego Armando Maradona con il Venezia: Victor Osimhen è pronto a ruggire.