Array

Napoli, firmata la convenzione con il Comune. E De Laurentiis…

Il presidente del Napoli interviene a gamba tesa sulla situazione della sua squadra

Napoli, firmata convenzione col Comune. Poi parla De Laurentiis

Non certamente parole al miele, quelle espresse da un visibilmente irritato Aurelio De Laurentiis subito dopo aver firmato la convenzione con il Comune di Napoli per il San Paolo. Il presidente è infatti intervenuto a gamba testa su molte questioni riguardanti questo periodo difficile per il Napoli. Si è dunque inevitabilmente soffermato sulla faccenda Insigne: “Non ho assistito all’incontro fra Insigne, Raiola e Ancelotti, ma il problema di Insigne è che deve capire cosa vuole fare da grande. Lui ha sempre avuto un atteggiamento di scomodità a Napoli. Io lo capisco, lo proteggo, mi piace e mi sta simpatico, però ha sempre sentito scomoda la situazione del Napoli. Deve stare più sereno, e questo problema non possono risolverglielo né Raiola né Ancelotti. È un grandissimo calciatore, e se l’allenatore non lo utilizza non può fare battutine o avere atteggiamenti di sfida, poiché Ancelotti è un padre di famiglia e solo per questo non lo manda a quel paese“.

Ha poi affrontato il discorso rinnovi, riferendosi a Callejon e Mertens: “Non sono disposto a fare un grande sforzo, per me ogni giocatore vale per dove gioca, come lo fa e l’età che ha. Se poi qualcuno vuole andare a fare la marchetta in Cina perché strapagato e fare 2 o 3 anni di m***a è un suo problema. La Cina non è concorrenziale. Nella vita bisogna scegliere se essere contenti nel lavoro e fare ciò che ti piace o farlo solo per soldi. Se è la seconda, allora vadano pure in Cina“.

Ha parlato anche a proposito di partenze: “Sono affezionato a Koulibaly, non l’ho dato via neanche per 150 mln, ma arriverà prima o poi quel momento in cui dovrà essere ceduto. Fabian Ruiz? Se pago uno sconosciuto 30 mln forse non sono nato ieri. La porta è sempre aperta, non bisogna mai affezionarsi“. Ha infine concluso parlando di Lozano: “Non si può avere tutto e subito. Anche per quanto riguarda Lozano, diamogli tempo. Deve abituarsi al calcio italiano e agli schemi, e poi Ancelotti deciderà dove farlo giocare“.

 

TI POTREBBE INTERESSARE

Napoli, Milik ci siamo: addio a gennaio

Ora potrebbe sbloccarsi tutto. Dopo un'estate a dir poco turbolenta in cui Milik è stato davvero vicino a lasciare Castel Volturno, in inverno il polacco potrebbe dire addio definitivamente al...

Sassuolo, tre nuovi positivi al Coronavirus

Non solo la Lazio, in questi ultimi giorni, colpiti dall'incubo del Coronavirus. Anche il Sassuolo adesso deve fare i conti con 3 nuovi casi di infetti alla piaga del...

Calciomercato Inter, Marotta guarda in casa Napoli: colpo a zero in difesa

NEWS CALCIOMERCATO INTER - L'Inter, nonostante un'ottima campagna acquisti nella sessione estiva non è ancora riuscita a dimostrare tutto il suo potenziale. Il buon inizio di campionato aveva illuso...

Maradona, l’oro di Napoli compie 60 anni: dall’Argentina all’Italia fino al Siviglia dimenticato

Una vita non proprio come tutte le altre quella di Diego Armando Maradona, il fenomeno arrivato dall'Argentina che oggi compie 60 anni. In tempi ormai noti, calcisticamente parlando, in...