in

Napoli-Juventus, tra campionato, Coppa Italia e Supercoppa: i precedenti del “Derby ideologico”

De Laurentiis al veleno: “A volte lo Scudetto c’è chi te lo scippa”. Napoli-Juventus entra già nel vivo, dopo le battaglie in campo delle ultime stagioni

Di Lorenzo (Napoli) e Chiesa (Juventus)
Di Lorenzo (Napoli) e Chiesa (Juventus)

Un conflitto ideologico

Dopo la sosta Nazionali, nel weekend tornerà in campo la Serie A. Match di cartello di questa terza giornata di campionato – nonostante sia in programma anche un avvincente Milan-Lazio – sarà sicuramente Napoli-Juventus, che si terrà sabato 11 settembre alle ore 18 presso lo stadio Diego Armando Maradona. Le due compagini si presenteranno a tale appuntamento in condizioni psico-fisiche diametralmente opposte. Gli azzurri, infatti, sono reduci da due vittorie consecutive e, quindi, a punteggio pieno; mentre i bianconeri dovranno riscattare un inizio di stagione a dir poco agghiacciante a causa del pareggio maturato contro l’Udinese all’esordio e della sconfitta patita in casa per mano della neo-promossa Empoli.


Leggi anche:


Napoli-Juventus non può essere considerata una partita come tutte le altre. Questo per via delle continue “frecciatine” che accompagnano la vigilia del big match e delle polemiche che scaturiscono puntualmente al termine dello stesso. Nonché a causa della grande rivalità che intercorre tra le due tifoserie. Una rivalità ideologica che rappresenta alla perfezione la perenne guerra fredda vigente nel nostro Paese tra nord e sud. Un conflitto, più o meno celato, che prosegue senza sosta dal 1861, anno dell’unificazione dell’Italia.

Mancuso, attaccante dell'Empoli
Mancuso, attaccante dell’Empoli @imagephotoagency

De Laurentiis scalda gli animi

A tal proposito, il presidente dei partenopei Aurelio De Laurentiis, in occasione dell’amichevole disputata ieri sera contro il Benevento, non ha perso tempo per scaldare un po’ gli animi in vista del grande appuntamento. “Non abbiamo ancora vinto lo Scudetto. Ma esso si conquista per varie combinazioni e a volte c’è chi te lo scippa” ha dichiarato il patron azzurro rispondendo ad una domanda riguardante le ambizioni tricolore della propria squadra. Un chiaro riferimento alla stagione 2017-2018, quando la Juventus si impose in rimonta per 3-2 a San Siro contro l’Inter a fine aprile, compiendo così – di fatto – lo sprint decisivo per la vittoria finale del campionato. La partita della mancata espulsione di Pjanic e quella del famoso “Scudetto perso in albergo“, per intenderci.

I precedenti in campionato

Napoli-Juventus è inoltre una gara in grado di regalare sempre grandi emozioni. Motivo per cui potrebbe essere considerata a tutti gli effetti come una sorta di Derby d’Italia dell’ultimo decennio. Senza ombra di dubbio la partita contro i rivali storici che i tifosi partenopei ricorderanno con più piacere è quella della larga vittoria per 3-0, ottenuta nel corso della stagione 2010-2011, grazie ad una meravigliosa tripletta di Cavani. Oppure il successo per 2-1 del settembre 2015, quando Insigne ed Higuain affondarono la Juve di Allegri.

Aurelio De Laurentiis (Napoli)
Aurelio De Laurentiis (Napoli)

Nonostante ciò, anche i bianconeri sono stati spesso in grado di regalare grossi dispiaceri ai campani tra le loro mura domestiche. Si pensi, per esempio, alla vittoria per 3-1 dell’annata 2014-2015 firmata Pogba, Caceres e Vidal ed a quella del marzo 2019 con Pjanic ed Emre Can mattatori. Oppure a quella più dolorosa in assoluto per i supporters azzurri, quando l’ex Higuain ammutolì, in un colpo solo, tutto il San Paolo ed il padre putativo Sarri. L’ultimo precedente tra le due formazioni, datato gennaio 2020, sorride tuttavia agli azzurri, i quali si imposero per 2-1 in virtù delle reti di Zielinski ed Insigne. Un trionfo che riscattò la rocambolesca sconfitta per 4-3 patita a Torino solo qualche mese prima.

Le battaglie in Coppa Italia e Supercoppa

La Vecchia Signora è spesso uscita con le “ossa rotte” dalle finali di Coppa Italia disputate contro il Napoli. Nel 2012, infatti, Cavani ed Hamsik rovinarono l’ultima partita ufficiale di Del Piero con la maglia bianconera. Esito che si ripeté anche nel 2020, quando la Juve fu costretta ad arrendersi agli uomini di Gattuso ai calci di rigore.

Napoli vince la Coppa Italia in finale contro la Juventus
Napoli vince la Coppa Italia in finale contro la Juventus

In Supercoppa, invece, i piemontesi hanno trovato maggior fortuna, uscendo vittoriosi per ben due volte contro i partenopei: nel 2012 a Pechino dopo la lotteria dei rigori (con De Laurentiis che ordinò ai propri calciatori di disertare la premiazione in segno di protesta) ed a gennaio 2021 al Mapei Stadium di Reggio Emilia nel segno di Ronaldo e Morata. L’unico successo azzurro nella suddetta competizione risale invece al 2014, quando gli uomini di Rafa Benitez piegarono la Juve ai rigori a seguito del 2-2 (doppiette di Tevez ed Higuain) maturato nel corso dei tempi regolamentari.