in

Napoli, Milik ci siamo: addio a gennaio

Arkadiusz Milik, attaccante del Napoli
Arkadiusz Milik, attaccante del Napoli (foto by @imagephotoagency)

Ora potrebbe sbloccarsi tutto. Dopo un’estate a dir poco turbolenta in cui Milik è stato davvero vicino a lasciare Castel Volturno, in inverno il polacco potrebbe dire addio definitivamente al Napoli. Le trattative di mercato che sono orbitate intorno all’ex attaccante dell’Ajax sono state molteplici: prima la Juventus, quando ancora Pirlo non aveva sostituito Sarri, poi la Roma, salvo un ripensamento repentino, e poi gli ultimi timidi interessi dall’estero che però non hanno portato a nulla di buono.

Milik ora, possiamo dirlo tranquillamente, vive da separato in casa. Non si allena con la squadra, non gioca e non viene preso in considerazione in nessuna occasione. Aspetta di poter partire e di poter andare dove pensa possa fare meglio e rendere in maniera proporzionale alle sue qualità. La tensione con De Laurentiis non si è placata, anzi, ma rispetto al passato sembra che i dialoghi fra club e giocatore siano quanto meno costruttivi e non distruttivi.

LEGGI ANCHE

Milik vuole partire e il Napoli non starebbe aspettando altro. Proprio per questo una possibile cessione a gennaio non sarebbe più un’ipotesi così remota rispetto a qualche mese quando il polacco sembrava deciso di voler aspettare febbraio per liberarsi a zero. Secondo quanto riporta Il Corriere dello Sport, se dovessero verificarsi le condizioni giuste il Napoli Milik potrebbero separarsi già a nella prossima finestra di mercato invernale. Milik non rinnoverà e De Laurentiis continuerà a chiedere una sorta di indennizzo per la cessione del giocatore, ma gli Europei 2021 sono sempre più vicini e il polacco non ha nessuna intenzione di mancare all’importante appuntamento con la sua Nazionale.

Vota Articolo

749 points
Upvote Downvote
Urbano Cairo, Presidente del Torino

Torino, Cairo positivo al Covid-19: ricoverato per accertamenti

Dal Pino, presidente della Lega Serie A

Serie A, Dal Pino scrive a Giuseppe Conte: “Ascoltateci”