in

Napoli-Sassuolo, De Zerbi vince la sfida ad alta quota contro Gattuso

Rino Gattuso e Roberto De Zerbi, allenatori di Napoli e Sassuolo @imagephotoagency
Rino Gattuso e Roberto De Zerbi, allenatori di Napoli e Sassuolo @imagephotoagency

Il Sassuolo dà e il Sassuolo toglie, il club neroverde contro cui Gennaro Gattuso aveva centrato la prima vittoria in assoluto sulla panchina del Napoli lo scorso anno, si impone 2-0 al San Paolo e si aggiudica la sfida ad alta quota contro i partenopei. Grazie a questo successo gli emiliani salgono al secondo posto a -2 dal Milan capolista. Una gara equilibrata, gestita ottimamente dai padroni di casa che sfiorano più volte il gol nei primi 45′, ma vengono puniti alla prima disattenzione: Locatelli sblocca su calcio di rigore, Maxime Lopez rende più amara la pillola per il Napoli.

Altro passo falso casalingo del Napoli nel giro di due settimane, dopo quello in Europa League contro l’Az Alkmaar. Deluso a fine partita ai microfoni di Sky Sport l’allenatore Gattuso: “Sconfitta meritata, non abbiamo sfruttato le tante occasioni e abbiamo pagato a caro prezzo le nostre ingenuità, dobbiamo migliorare. Rinnovo? Ogni volta che ne parlo non vinco mai”.

Delusione da una parte e c’è chi invece fa i salti di gioia dall’altra; è il caso di Roberto De Zerbi che vince nonostante l’assenza di Caputo, Djuricic e Berardi, a dimostrazione del potenziale a disposizione del tecnico bresciano intervenuto a SkySport al termine del match: “Ho detto ai miei ragazzi che potevamo vincere a Napoli e così è stato, io non vendo fumo se dico una cosa è perchè ci credo. Spero che questa vittoria possa far capire al gruppo la propria forza, la nostra crescita passa attraverso gare di questo genere”.

Commenti

Lascia un commento

Loading…

0

Vota Articolo

726 points
Upvote Downvote
Paulo Fonseca e Chris Smalling, allenatore e difensore della Roma

Fonseca applaude la Roma: è Smalling la chiave del successo?

Rolando Maran e Claudio Ranieri, allenatori di Genoa e Sampdoria

Sampdoria, Ranieri si rammarica. Maran ritrova il suo Genoa