in

Napoli, Spalletti: “Zielinski out, non parlatemi di turnover…”

L’allenatore del Napoli, Luciano Spalletti, ha toccato diversi temi durante la conferenza stampa di presentazione del match contro il Legia Varsavia

Spalletti, nuovo allenatore del Napoli
Spalletti, nuovo allenatore del Napoli

Alla vigilia del match di Europa League con il Legia Varsavia, l’allenatore del Napoli, Luciano Spalletti, ha parlato in occasione della conferenza stampa prepartita. Diversi gli argomenti toccati dall’allenatore dei partenopei.


Scarica la nostra App


SUL RITORNO DI MERTENS – “E’ importante perché ci permette di avere più formazioni titolari. E’ importante perché si ha bisogno di certezze, di leader per ambire a fare grandi risultati. Lui lo è, è uno di quelli a cui piace prendersi responsabilità. Eravamo lì ad aspettarlo e averlo recuperato ci fa piacere, così come aver recuperato Demme e Lobotka.

SU ZIELINSKI“Avere a disposizione molti elementi della rosa ci permette di sopperire ad esempio al problemino che ha Zielinski, che non sarà della partita: resta fuori per precauzione per non averlo a rischio per Roma, a Roma ci sarà”.

SUL TURNOVERParlare di turnover è offensivo per questi calciatori qui, io non parlo di turnover ma di passare il turno, che è diverso. Noi abbiamo una rosa che ce lo permette. Io scelgo dei titolari che sono adatti per giocare questa partita qui. E’ un modo di dire? E va cambiato! Se non è corretto e va intaccare il livello di professionalità dei calciatori di cui parliamo va modificato. Mertens gioca perché si fa turnover? No, Mertens gioca perché è un altro titolare. Con Demme si fa turnover? No”.

SU LOZANO“Si esagera un po’. Fino a quel momento lì avevamo bisogno di determinate qualità per portare a casa il risultato e lui è stato protagonista nei minuti che ha giocato. Poi la situazione cambia, ci sono cinque sostituzioni e loro hanno cominciato a scodellare palloni in area che prima non arrivavano. Lui ha giocato mezzora, era un po’ dispiaciuto ed è comprensibile. Ma è bastato venire al campo per vedere come ha reagito, come stava nel gruppo, come ha condiviso la vittoria con tutti. E’ tutto a posto“.