in

Nations League, altro stop da Covid-19: annullata Romania-Norvegia

Omar Elabdellaoui positivo a Covid-19
Omar Elabdellaoui positivo a Covid-19

E’ l’edizione di Nations League più chiacchierata della storia, seppur giovane competizione nata solo da pochi anni, certo è che ogni giorno è buono per raccontare altre indiscrezioni, altri colpi di scena, altri nulla di fatto. Mentre i club di tutto il Mondo combattono con la piaga del 2020, anche e soprattutto da un punto di vista economico, ecco che un’altra gara “necessaria” si è dovuta fermare a causa del Covid-19. Questa volta è toccato a Romania-Norvegia, con la squadra scandinava costretta a non viaggiare verso Bucarest per la nuova positività riscontrata.

I risultati dei tamponi che hanno individuato l’infezione di Omar Elabdellaoui, nazionale norvegese e terzino del Galatasaray, hanno costretto la squadra allo stop forzato anche se il resto del gruppo è risultato negativo.


Il Ministro della salute norvegese, Bent Høie, è dovuto intervenire, obbligando il gruppo alla quarantena e attraverso i microfoni della tv NRK ha così affermato: “Se la Federcalcio sceglie di operare in una zona grigia legale, e in particolare di minare uno degli strumenti più importanti a nostra disposizione per far fronte alla pandemia, che è quello della quarantena dopo un contatto con una persona infetta, allora reagirò con forza”.

La Norvegia è già alla seconda gara annullata, ricordando quella contro Israele mai disputata, con la federazione che avrebbe affermato di temere ripercussioni per la mancata partecipazione alle partite. E’ la Nations League “necessaria”, lo dicevamo, quella che blocca i campionati e rischia di stare più a casa che in campo.

Vota Articolo

552 points
Upvote Downvote
Luca Zaia Presidente Regione Veneto

Coronavirus, la svolta dell’auto-tampone: Veneto apripista

Italia-Estonia

Italia-Polonia, le difficoltà ci esaltano: bisogna vincere ma quante assenze