in

NBA, i risultati della notte: Bulls primi ad Est, i Lakers battono i Pistons dopo la rissa

I risultati della notte NBA: vittoria fondamentale per i Chicago Bulls contro i Knicks, che li porta al primo posto ad Est. Dopo la rissa, i Lakers battono i Pistons. Vittorie anche per Clippers, Suns e Warriors

NBA, LeBron James trascina i Lakers
NBA, LeBron James trascina i Lakers / IB Times

I Golden State Warriors ritrovano Stephen Curry e portano a casa un’altra vittoria: 119-104 in casa contro i Toronto Raptors e primo posto ad Ovest sempre più saldo. 33 punti per Jordan Poole, 32 per Wiggins, Steph si ferma a 12, con 2 rimbalzi e 8 assist.  Al secondo posto nella Western Conference ci sono ancora i Phoenix Suns, che battono al Footprint Center i Denver Nuggets dell’MVP uscente Nikola Jokic per 126 a 97, con Chris Paul autore di 9 punti, 3 rimbalzi e 10 assist. Cameron Johnson ne fa 22 in uscita dalla panchina. Vittoria anche per i Los Angeles Clippers contro i Dallas Mavericks, 97-91 allo Staples Center, con 29 punti di un sempre più scatenato Paul George.


Scarica la nostra App


I Bulls battono i Knicks e si prendono la vetta ad Est

I Chicago Bulls sembrano non fermarsi più. Con la vittoria per 109-103 ottenuta contro i New York Knicks allo United Center, la squadra di Billy Donovan aggancia i Brooklyn Nets dei Big 3 James Harden, Kevin Durant e Kyrie Irving (ancora out perché no-vax) al primo posto della Eastern Conference con un record di 12 vittorie e 5 sconfitte. Grande prestazione per DeMar DeRozan, autore di 31 punti, 6 rimbalzi e 5 assist con il 100% ai tiri liberi (9 su 9). Buone notizie anche fuori dal parquet: Nikola Vucevic è uscito dall’isolamento a causa del Covid-19 e può tornare in gruppo.

Los Angeles Lakers, vittoria con rissa a Detroit

I Los Angeles Lakers tornano alla vittoria: alla Little Caesar’s Arena di Detroit, i gialloviola battono i Pistons 121-116. Polemiche per una rissa tra LeBron James e Isaiah Stewart: durante l’esecuzione di un tiro libero di Jerami Grant nel terzo quarto, il numero 6 losangelino ha colpito al volto il lungo avversario, causandogli un taglio sull’occhio. Ancora sanguinante, Stewart ha cercato di farla pagare al Re, facendo scoppiare una rissa: espulsi entrambi, non hanno giocato gli ultimi 12 minuti della partita.