in

Nocerino in ESCLUSIVA: “Impressionato da Mancini. Rispetto al 2012…”

L’ex centrocampista della Nazionale Antonio Nocerino, vice campione d’Europa nel 2012, è intervenuto in esclusiva ai nostri microfoni per commentare l’ultimo atto di Euro 2020

Antonio Nocerino, ex centrocampista di Milan e Juventus @Image Sport
Antonio Nocerino, ex centrocampista di Milan e Juventus @Image Sport

Il percorso dell’Italia

Da Cesare Prandelli a Roberto Mancini, dopo nove anni l’Italia torna in finale con il sogno di conquistare Euro 2020. Nel 2012 il cammino venne spezzato proprio all’ultimo atto dalla Spagna dei fenomeni, che vinse 4-0 contro un’Italia stanca e in inferiorità numerica dal 61’ minuto. Quella di Prandelli, però, nonostante la pesante sconfitta contro Iniesta e compagni, fu comunque una squadra protagonista di una cavalcata emozionante, caratterizzata dalla vittoria ai rigori sull’Inghilterra e la vittoria per 2-1 sulla Germania in semifinale.

Sullo stesso argomento
Italia, il "tiraggiro" di Insigne entra nel dizionario Treccani

Domenica, a nove anni di distanza dalle lacrime di Kiev, gli azzurri tornano a sognare in grande, di nuovo contro gli inglesi, di nuovo a Wembley, a casa loro, per rendere magica anche la notte più importante. Per commentare la finale tra Italia e Inghilterra è intervenuto in esclusiva ai nostri microfoni Antonio Nocerino, vice campione d’Europa con la maglia della Nazionale, ricordando l’esperienza vissuta nelle loro Notti Magiche, quelle del 2012.

Italia-Spagna, azzurri in finale
Italia-Spagna, azzurri in finale @imagephotoagency

Nel 2012, purtroppo, dopo aver eliminato splendidamente Inghilterra e Germania, perdeste in finale contro la Spagna per 4-0. Che consiglio daresti ai nostri azzurri per affrontare al meglio la partita?

“La finale è bella e va giocata in maniera rilassata. Ai nostri azzurri direi di godersela, di viverla a pieno. Rispetto al 2012 arriviamo meglio alla partita, soprattutto fisicamente. Sarà importante recuperare tutte le energie per dare il massimo. L’Inghilterra avrà un giorno di riposo in meno, ma non credo possa fare la differenza: in questi casi le forze si trovano, sempre. Non cambia nulla”.

Ci sono delle similitudini tra l’Italia di Prandelli e quella di Mancini?

“Sì, la forza del gruppo. Questi eventi creano una forte unione nello spogliatoio, inoltre è un lavoro che dura da tre anni. Anche nel 2012 eravamo così. Per quanto riguarda Euro 2020 credo che il merito sia tutto di Mancini. Non dobbiamo dimenticare da dove siamo partiti, da Italia – Svezia, dal momento forse più brutto e negativo della Nazionale. Mancini ha fatto un grandissimo lavoro, sia a livello di gruppo che sul campo, la squadra interpreta perfettamente le sue idee”.

Donnarumma (Italia) respinge il calcio di rigore di Alvaro Morata (Spagna) @Image Sport
Donnarumma (Italia) respinge il calcio di rigore di Alvaro Morata (Spagna) @Image Sport

Nocerino: “Stupito dalla crescita del gruppo”

Quale giocatore ti ha colpito di più?

“Più che un giocatore in particolare mi ha colpito molto la crescita continua dell’intero gruppo squadra, inoltre sono rimasto stupito ciò che Mancini ha creato, del modo di giocare e di restare uniti anche fuori dal campo. Sono cose che non riguardano esclusivamente un singolo, hanno beneficiato tutti di questo progetto. Un fuoriclasse? Il portiere, Gigio Donnarumma: è un fenomeno, è veramente impressionante”.

Quale squadra parte da favorita nella gara di domenica?

“Non esistono favoriti, quelli che erano i favoriti sono già stati eliminati. In questi momenti tutto è possibile, la finale va giocata. A prescindere dal risultato di domenica gli Azzurri hanno già vinto: ora le squadre che affrontiamo ci temono, abbiamo riguadagnato rispetto tramite lavoro e risultati, questo è fondamentale. La finale non so come finirà, vedendo come ha giocato l’Italia sono molto fiducioso”.

Chiellini (Italia)
Chiellini (Italia)

Nocerino: “Chiellini ad alti livelli da 15 anni. E’ impressionante”

Tra i principali punti di forza della Nazionale c’è la difesa. Negli ultimi giorni si è parlato molto della coppia “Bonucci-Chiellini”, definita da molti come la migliore al mondo. Hai giocato con entrambi, come gli valuti?

“Conosco poco Bonucci, mentre con Giorgio (Chiellini, ndr) ho fatto dalle giovanili alla Nazionale, giocando con lui anche un anno alla Juventus. Dopo la generazione di Cannavaro, Nesta e Maldini erano rimasti solo due difensori più forti al mondo: Barzagli e Chiellini. Quest’ultimo è devastante, inoltre fa giocare bene anche i compagni di reparto. Oltre ai due bianconeri è giusto citare anche Acerbi, è anche lui molto forte”.

Credi che Chiellini sia stato leggermente sottovalutato nel corso della sua carriera?

“Un po’ sì. Ricordo bene Cannavaro, Materazzi, Maldini e Nesta, erano tutti signori giocatori. Chiellini è cresciuto con questa generazione e si vede, è da quindici anni che gioca ad un livello altissimo. Avere lui e Barzagli come avversari era durissima, poi Giorgio è davvero fastidioso. E’ dal 2007 che ha un rendimento spaventoso, è sempre stato fortissimo, Il difensore deve essere pratico, ha avuto un miglioramento incredibile. Impressionante, davvero impressionante”.

Cosa ne pensi?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *