venerdì, 3 Luglio 2020 - 21:44
Non solo Calcio Nuoto, Fabio Lombini e Gioele Rossetti ultima bracciata insieme

DIRETTORE RESPONSABILE MAURO PACETTI

SERIE A

News e Calciomercato

Nuoto, Fabio Lombini e Gioele Rossetti ultima bracciata insieme

Una tragica notizie sconvolge il mondo del nuoto italiano. I due nuotatori Fabio Lombini e Gioele Rossetti hanno perso tragicamente la vita in un incidente aereo

Doveva essere una domenica diversa, una domenica di relax, lontana dagli allenamenti e dagli impegni della settimana e invece si è trasformata in un incubo. Fabio Lombini e Gioele Rossetti sono scomparsi tragicamente in un incidente aereo al confine tra Latina e Nettuno.

I due nuotatori professionisti e amici erano usciti di buon mattino per fare un giro in elicottero, ma poco dopo il decollo presso la scuola di volo di Crazy Fly in via Avezzano il velivolo è precipitato ed ha preso fuoco non appena ha toccato il suolo, al punto che i corpi dei due ragazzi sono stati trovati carbonizzati.

Nuoto, Fabio Lombini e Gioele Rossetti: “…miser indigne filios adempte nos…”

Maledetta sorte perchè hai strappato ingiustamente alla vita questi due ragazzi“. Fabio Lombini e Gioele Rossetti avevano rispettivamente 22 e 23 anni, erano grandi amici e condividevano la passione per il nuoto e per il volo. Fabio aveva festeggiato il compleanno circa un mese fa ed era una giovane promessa del nuoto azzurro. 6º posto ai Campionati Europei Juniores nella 4 X 200 stile libero nel 2016, argento nei Campionati Nazionali Assoluti dietro Filippo Megli (1’44″60) e davanti a Filippo Magnini, una partecipazione all’Universiade estiva di Taipei nel 2017.

Oltre alla staffetta, Lombini si cimentava anche nei 200 e nei 400 stile libero, in cui spesso aveva affrontato Manuel Bortuzzo, il nuotatore reso invalido da un colpo di pistola durante un agguato. Nella spedizione di Taiwan faceva parte del gruppo Fiamme Rosse insieme ai plurimedagliati Gregorio Paltrinieri e Simona Quadarella, sognava la convocazione alle Olimpiadi di Tokyo del 2021. Gioele, invece, si allenava con l’Aurelia Nuoto ed aveva una grande passione per il volo. Aveva il brevetto e una grande esperienza.

Tragedia nel mondo del nuoto: l'Italia piange Fabio Lombini e Gioele Rossetti
Tragedia nel mondo del nuoto: l’Italia piange Fabio Lombini e Gioele Rossetti

Sconvolto dalla notizia il presidente della Federnuoto Paolo Barelli: “Non riesco a crederci. Lombini si trovava al centro federale di Ostia con il tecnico Alessandro Resch e nei prossimi giorni avrebbe dovuto riprendere gli allenamenti insieme ad altri atleti azzurri. Rossetti lo conosco da piccolo, ha sempre avuto una predisposizione particolare per il volo e nonostante fosse molto giovane era in possesso del brevetto”.

Nei prossimi giorni gli organi competenti cercheranno di far luce sulle cause della morte. Al momento l’ipotesi più accreditata è che la caduta dell’aereo sia dovuta ad un guasto al motore. L’autopsia chiarirà se i due atleti siano morti a causa dell’incendio o del forte impatto col suolo.

Da Federica Pellegrini a Filippo Magnini: il cordoglio dell’Italnuoto

All’immediato cordoglio della Federnuoto si è aggiunto quello dei principali atleti della Nazionale italiana di nuoto, da Federica Pellegrini e Gabriele Detti, compagni di allenamenti di Lombini, fino a Filippo Magnini che fa le sue condoglianze alle famiglie. Due giovani atleti, due giovani ragazzi con un destino ingiusto, strappati troppo presto alla vita.

TUTTE LE NOTIZIE DI

LEGGI ANCHE