Premio Renato Cesarini 2020: a rischio la 5° edizione

La 5° edizione del prestigioso premio Renato Cesarini potrebbe slittare. O addirittura saltare. Il Live Gala si sarebbe dovuto svolgere nel mese di maggio nella regione Marche, nella località balneare di Senigallia, ma il fenomeno coronavirus continua a fare paura, con ripercussioni davvero troppo forti sull’intero pianeta calcio.

Incerta dunque l’organizzazione dell’edizione 2020: ad oggi vista la situazione tutto sembra davvero molto complicato. La macchina organizzativa del premio continua ad aspettare nuovi sviluppi legati all’emergenza, con una dose di fiducia a dire il vero piuttosto moderata se non limitata, con il forte auspicio di poter dare qualche bella comunicazione per la buona riuscita della quinta edizione del Cesarini.

La prestigiosa kermesse del premio Renato Cesarini rispecchia da anni i valori dello sport e della solidarietà, ed è strettamente legata alla storia dell’indimenticabile personaggio Renato Cesarini, originario di Castellaro di Senigallia nelle Marche, autentico campione emblema del gol all’ultimo minuto e pilastro della storica Juve del Quinquennio.

Nel corso degli anni il Premio Renato Cesarini è divenuto uno dei più celebri premi del mondo del pallone, dove sfilano numerosi big del calcio, della tv e del giornalismo: una cerimonia seguita in diretta ogni anno da media nazionali, stampa e tv. Una delle mission principali del premio, oltre a  premiare personaggi che si sono distinti nell’ultima stagione calcistica, quella benefica di tenere i riflettori accesi sul disagio che ancora oggi vivono numerose persone e realtà imprenditoriale in una regione (Marche) colpita fortemente dal terremoto.

Tra gli invitati e i premiati della scorsa edizione, alla cerimonia tenutasi al Teatro Alfieri di Montemarciano e successivamente durante il gran galà del Ristorante Seta di San Silvestro di Senigallia, ci sono Daniel Ciofani (Frosinone Calcio, autore del gol più in extremis della serie A 2019),  Claudio Lotito (Presidente S.S. Lazio), Piero Ausilio (Direttore Sportivo Inter Fc), Pantaleo Corvino (Direttore Generale Fiorentina Calcio), Marco Tardelli (ex calciatore serie A e nazionale), l’Avv.to Michele Briamonte, Giuseppe Giannini (ex calciatore Roma), Serse Cosmi (tecnico del Venezia), Alessio Tacchinardi (ex Juventus), Sebastiano Rossi (ex colonna del Milan), Odoacre Chierico (ex Inter e Roma), Sebino Nela (ex Roma e Nazionale), Furio Valcareggi (procuratore sportivo), Guido D’Ubaldo (segretario nazionale dell’Ordine dei Giornalisti e firma del Corriere Dello Sport), Guido Vaciago (giornalista Tuttosport), Luca Marchetti (giornalista di Sky Sport), Sandro Sabatini (Mediaset Sport), Gaetano Imparato (Gazzetta dello Sport), Leondino Pescatore (Corriere Sport – Stadio), Daniele Bartocci (miglior giornalista Under 30), Marco Lollobrigida (conduttore Rai), Gianfranco Butinar (imitatore tv).

Nelle passate edizioni del Cesarini sono stati premiati tra gli altri Arrigo Sacchi, Marco Tardelli, Zdenek Zeman, Eusebio Di Francesco, Giovanni Galli, Stefano Tacconi, Fabrizio Ravanelli, Walter Sabatini, Evaristo Beccalossi, Moreno Torricelli, Josè Altafini, Direttore Generale Lega Serie A Marco Brunelli, Luca Marchegiani, Leonardo Semplici, Giancarlo Antognoni, Sabino Nela, Beppe Iachini e Daniel Ciofani.