Totti attacca il Var dopo Roma-Inter.

TOTTI VAR ROMA INTER / Francesco Totti ha parlato ai microfoni di Sky Sport nel post-partita di Roma-Inter. Duro sfogo del “Re di Roma” che si è scagliato contro l’arbitro Fabbri, l’uomo designato alla postazione VAR.

L’episodio incriminante è quello del fallo di D’Ambrosio su Zaniolo, all’ingresso dell’area di rigore. L’arbitro Rocchi non ha fischiato: nonostante fosse vicino all’azione non era comunque facile riuscire a vedere chiaramente il contatto in quel ginepraio di gambe.

Ben più grave, secondo il dirigente giallorosso, la decisione del Var, di non intervenire: nessun invito al direttore di gara a procedere con l’On Field Review e il gioco prosegue. Inoltre, nell’azione successiva al non-rigore è arrivato il goal di Keita, su assist dello stesso D’Ambrosio.

Totti non ci sta: “Rigore impossibile da non vedere”.

TOTTI VAR ROMA / Queste le parole del dirigente della Roma, evidentemente indignato per la mancata concessione del rigore su Zaniolo: “C’è poco da vedere, le chiacchiere stanno a zero!

Hanno visto tutti quello che è successo. Ci chiediamo come il Var non veda un fallo simile, è una vergogna! È impossibile non vederlo. Abbiamo deciso di utilizzare il Var per rivedere le azioni dubbie, ma questo era troppo evidente.

A quanto pare Fabbri stava vedendo un’altra partita. Così non si può andare avanti” ha poi chiosato l’ex capitano e attuale dirigente della Roma.

Totti ha poi proseguito di non voler cercare alibi riguardo il risultato finale della partita, affermando che episodi come questi sono capitati anche ad altre squadre.

Totti su Zaniolo: “È un veterano”

TOTTI ZANIOLO ROMA / Il dirigente giallorosso ha risposto alle altre domande di Fabio Caressa e dei suoi ospiti, in merito alla grande prestazione di Nicolò Zaniolo contro la sua ex squadra.

Il “pupone” ha utilizzato parole al miele per descrivere il giovanissimo centrocampista giallorosso, probabilmente il migliore in campo nella serata dell’Olimpico.

Sembra un veterano, ha grandi mezzi fisici e tecnici, gioca con semplicità e maturità: sta dimostrando il proprio valore. Ha tutto per diventare un grande giocatore“.

A dimostrazione della grande partita giocata dal classe 99′ giallorosso, i tifosi della Roma gli hanno riservato una standing ovation meritatissima. Un patrimonio importante per i capitolini e per la Nazionale italiana.