Brescia-Inter, Corini: “Tanti infortuni e un calendario non semplice. Su Balotelli…”

Il tecnico del Brescia parla alla vigilia della sfida contro l'Inter. E' una gara da non sbagliare per le "rondinelle" che, dopo un inizio positivo, si trova ora in piena zona retrocessione a soli 7 punti

 

Brescia-Inter, parla Corini: “Momento difficile? Bisogna saper valutare”

BresciaInter è uno dei due anticipi di questo turno infrasettimanale, in programma oggi alle ore 21:00. I padroni di casa arrivano al match non in ottime condizioni. La sconfitta di Genova contro i rossoblù ha lasciato parecchie scorie, ma Eugenio Corini non ha fatto drammi in conferenza stampa:

“La classifica? Abbiamo una partita in meno, quindi direi che è un po’ falsata. Io che ho scelto di fare questo mestiere conosco bene le difficoltà che presenta, ma sono anche in grado di valutare le cose con obiettività. Contro il Genoa ho visto una squadra in controllo che è rimasta in partita anche dopo aver subito il pareggio. Dopo il 2-1 abbiamo gestito male e la gara ci è sfuggita di mano. E’ una sconfitta che lascia amarezza perché avevamo creato i presupposti per vincere”.

I tanti infortuni vi hanno penalizzato?

Sicuramente, se due centrali sono fuori, e perdi Dessena che è fondamentale per il tuo gioco, qualcosa la perdi. Chi vuole valutare le difficoltà deve avere una visione ad ampio raggio”.

Come intende uscire da questo periodo?

“Io faccio calcio da anni e so cosa comporta affrontare queste situazioni. Capisco il malessere del pubblico ma, se andiamo ad analizzare le cose oggettivamente, non abbiamo avuto un calendario semplice: abbiamo affrontato Napoli, Juventus e abbiamo pareggiato contro la Fiorentina. E’ un campionato difficile in cui il livello dei giocatori può essere determinante. La nostra crescita passa anche da queste difficoltà. Io sono un allenatore e devo pensare al campo, senza farmi distrarre dai fattori esterni”.

Chancellor come sta?

Sembra aver accusato un fastidio ai flessori. Lo valuteremo domani”.

Ci saranno cambi in attacco? Crede che Balotelli si sia finalmente integrato nel vostro modo di giocare?

Balotelli e Donnarumma credo possano giocare ancora insieme a prescindere da quelle che dovrebbero essere le loro caratteristiche. Ognuno ha le proprie idee, ma io alleno i ragazzi e faccio molte valutazioni prima di decidere chi far giocare. Da Balotelli mi aspetto di più. Io chiedo molto movimento alle punte e, di solito, sono sempre riuscito a far segnare tanto i miei attaccanti”.

Che Inter si aspetta domani?

“Una squadra arrabbiata per i punti persi col Parma, ma anche noi saremo arrabbiati per quanto successo a Genova. Ciascuno deve lottare per i propri obiettivi, e io metterò in campo la squadra migliore per cercare di portare a casa un risultato positivo”.

Loading...
[js-disqus]
Loading...