Home Notizie Calcio Estero Bendtner nei guai: violenza contro un tassista

Bendtner nei guai: violenza contro un tassista

L’ex Juventus Nickas Bendtner aggredisce un tassista: arrestato.

L’ex danese juventino, Nicklas Bendtner è tornato a far parlare di se, anche se non in  buona luce. A quanto pare l’attaccante danese del Rosenborg è stato condannato a 50 giorni di carcere per l’aggressione ad un tassista.

Lo scorso settembre infatti a Copenaghen, dopo una notte in un night club Bendtner iniziò una rissa con un tassista, prendendolo a pugni e calci e rompendogli la mandibola.

Arrestato Bendtner: Cosa rischia ora l’ex bianconero?

nicklas bendtner danemark 11102015 16la1h6emdvmy1rs9x576klu5q - Bendtner nei guai: violenza contro un tassista
Bendtner con la maglia della Danimarca

Come già detto prima la sentenza parla di 50 giorni di carcere con risarcimento per la vittima, che ammonta a 11300 corone (1500 euro).L’avvocato di Bendtner, Anders Nemth, a quanto pare ha annunciato il ricorso:  “Nicklas, ovviamente, sarebbe stato licenziato. Pertanto, abbiamo scelto di appellarci al verdetto. Siamo lieti che la sentenza sia di 50 giorni e non dei tre mesi che il pm aveva richiesto. Non siamo d’accordo con la decisione, specialmente riguardo ai calci”.

Queste sono le parole espresse dalla difesa dell’ex attaccante bianconero. A quanto si evince, entrambi si aspettavano una pena più lunga dopo un’aggressione simile ma a quanto pare sono stati graziati, non una bella notizia per la vittima.

Per quanto riguarda la società Rosenborg non abbiamo notizie riguardo a future punizioni che potranno essere multe o addirittura un allontanamento dalla rosa. Sta di fatto che per l’avvocato, la sentenza va bene.

Il punto su cui Anders Nemth non sembra essere d’accordo però, è la dinamica in cui Bendtner abbia tirato i calci al tassista. Secondo quanto afferma l’avvocato del calciatore danese, le dinamiche dei fatti si sarebbero svolte in maniera diversa rispetto a quanto indicato sul verdetto.Del resto però ancora non abbiamo dichiarazioni della vittima del calciatore danese.

La cosa certa però è che non è una bella pubblicità per l’ex giocatore della Juve e ciò potrebbe compromettere in modo drastico la sua carriera.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

RESTA AGGIORNATO CON LE ULTIME NOTIZIE DELLA TUA SQUADRA DEL CUORE, CLICCA QUI