Senza VAR la classifica non sarebbe la stessa, e il Milan ne è la prova vivente

MILAN SERIE A VAR / La scorsa stagione all’interno del massimo campionato italiano è stato introdotta la tecnologia del VAR. Odiata da alcuni, amata da altri; ma si è comunque inserita bene e ora tutti hanno imparato a conviverci, con i pro e i contro. Il Video Assistant Referee ha comunque creato polemiche, perché questa tecnologia è comunque gestita dai direttori di gara, che in ogni caso hanno l’ultima parola in capitolo. Ancora possibile l’errore umano.

Proprio dopo questa introduzione è nata la rubrica “Classifica senza VAR”, ideata da Calciomercato.it, per far notare le discrepanze arbitrarie tra partite con e senza questa tecnologia. Nell’attuale quattordicesima giornata di Serie A abbiamo già notato molte polemiche: Roma-Inter si è resa infuocata proprio per una mancata chiamata del VAR che secondo alcuni avrebbe procurato un rigore netto per la Roma. Nella partita Sassuolo-Udinese abbiamo visto un goal annullato per fuorigioco, dopo la chiamata del VAR, ecc. Sono ben tre le partite che avrebbero avuto un esito diverso in caso di non presenza del Video Assistant Referee:
Milan – Parma 1-1 (in realtà 2-1); Sassuolo – Udinese 1-0 (finita 0-0); Roma – Inter 1-2, e si, perché oltre al mancato rigore, senza VAR non avrebbero neppure avuto la possibilità del secondo goal al 74′ con rigore di Handanovic.
Seguendo questi parametri il club rossonero sarebbe rimasto al quinto posto e non al quarto come attualmente è. Sicuramente Mister Gattuso sarà in futuro un sostenitore di questa tecnologia.