• Genoa
  • Serie A
Home Serie A notizie Genoa Genoa, non segni più: Prandelli cerca la cura all'astinenza da goal

Genoa, non segni più: Prandelli cerca la cura all’astinenza da goal

La squadra rossoblu ha difficoltà a trovare la via del goal, che manca ormai da tre gare consecutive. Prandelli è chiamato a trovare una soluzione.

In casa Genoa la preoccupazione principale riguarda l’astinenza da goal, con Cesare Prandelli chiamato a trovare una soluzione. Un problema da risolvere al più presto, vista la classifica e il calendario, che nelle prossime settimane vedrà il Grifone alle prese con un tour de force non indifferente. Juventus, Napoli, Inter e il derby con la Sampdoria. Un filotto di gare che potranno dirci se l’allenatore rossoblu avrà trovato una cura ai mali della sua squadra.

Genoa, Prandelli e il goal che non c’è: la sterilità offensiva inizia a preoccupare

Cesare Prandelli è arrivato al Genoa con il compito di risollevare una squadra abbattuta dai tanti goal subiti e dalle innumerevoli occasioni perse. L’ex CT della Nazionale ha inizialmente dato l’impressione di poter tirare fuori il meglio dai giocatori a disposizione, contando su di una grande forza offensiva, impersonata nel centravanti polacco Krzysztof Piatek. La partenza del pistolero, però, non ha fiaccato le potenzialità offensive della squadra, che ha trovato in Sanabria un degno sostituto. Adesso, però, tutto ciò sembra solo un’insieme di favorevoli e casuali circostanze ormai esaurite.

Da quel bellissimo goal di Criscito nei secondi finali del match contro la Lazio, si sono susseguiti oltre 200 minuti di digiuno da goal. Da quel 17 febbraio, praticamente un mese senza segnare, nonostante le possibilità di farlo ci fossero tutte. Partita brutta e arrendevole quella al Bentegodi contro il Chievo, in cui il Genoa di Prandelli è riuscita ad andare al tiro in sole due occasioni nell’arco dei 90 minuti. Zero goal anche al Ferraris contro un Frosinone in inferiorità numerica per oltre un’ora di gioco. Anche nell’ultima sconfitta contro il Parma è emersa una preoccupante difficoltà nell’andare a fare male in area avversaria, con gli esterni Lazovic e Kouamé troppo spesso appannati nel momento cruciale del match. Punti sprecati, così come l’occasione di gonfiare la rete contro squadre di pari livello, se non inferiori al Grifone. La sfida più ardua per l’allenatore rossoblu consisterà nel fare contro le grandi quanto non è riuscito contro le piccole: gonfiare la rete. Ad attendere Prandelli e il suo Genoa ci saranno infatti Juventus e Inter in casa, Napoli in trasferta e Sampdoria. Il tecnico bresciano è chiamato a trovare una soluzione tattica che possa curare il mal di goal della squadra. Prima che sia troppo tardi.

Loading...
Loading...

Seguici su Facebook

Aiutaci a crescere!