13 Novembre 2019 | 18:48

Hellas Verona-Milan 0-1, ma che fatica per i rossoneri: si sblocca Piatek

Il Milan torna vittorioso dal Bentegodi di Verona grazie al rigore di Piatek: ancora tante però le lacune tattiche dei rossoneri che si godono la vittoria

HELLAS VERONA-MILAN – Il Milan esce dal Bentegodi con i tre punti in tasca, ma con ancora poche convinzioni sul piano del gioco. La vittoria, arrivata grazie al calcio di rigore segnato da Piatek, non può lasciare soddisfatti i tanti tifosi rossoneri che per questa partita si aspettavano ben altra prestazione. Unica nota positiva proprio il gol del Pistolero che si sblocca proprio la gara prima del derby, che Calabria salterà per l’espulsione rimediata nel finale.

Hellas Verona-Milan, la cronaca del primo tempo: lampo di Verre

Primo tempo piatto – se non sciatto – soprattutto per il Milan che non riesce a trovare le distanze giuste tra i reparti. Poche emozioni e nessuna palla-gol nitida nei primi 45′. Si registrano solo le scorribande del Verona in contropiede – clamoroso quello 6 vs 4 al 13′. Poi la partita cambia dopo 7 minuti: quando Manganiello espelle Stepinski per il suo gioco pericoloso su Musacchio. Hellas quindi in dieci e costretto a difendersi, ma che ha avuto anche la possibilità di andare in vantaggio sul lancio di Rrahmani che da 40 metri ha pescato alla perfezione Verre. Lo stop del classe ’94 è sopraffino, ma la conclusione è alta. A questo punto il Milan alza la pressione, ma il possesso palla nella metà campo avversaria è sterile.

Secondo tempo, si sblocca Piatek: il Milan torna da Verona coi tre punti

Il secondo tempo si apre con una novità tattica nel Milan che passa al 4-3-3 dopo l’uscita dal campo di Paquetà che fa spazio al nuovo acquisto Ante Rebic. Il nuovo assetto dei rossoneri e la superiorità numerica consentono agli uomini di Giampaolo di macinare più gioco e l’andazzo del match ne risente. Al 57′ e al 60′ un palo per parte: prima per il Milan con la splendida conclusione al volo di Calabria dal limite, poi per il Verona con il tiro di controbalzo di Verre. Al 64′ poi l’episodio che ha sbloccato il risultato causato dal tocco di mano di Günter sul violento tiro di Çalhanoglu. Manganiello ha subito indicato il dischetto e la conferma del VAR è arrivata tempestiva. Sul dischetto Piatek stringe tra le mani il pallone del riscatto, ma il Pistolero torna a sparare: 0-1 per il Milan.

Nei minuti successivi i rossoneri gestiscono il vantaggio e il Verona risparmia le energie per l’assalto finale. Ma è il Diavolo a segnare il raddoppio: all’82’ Çalhanoglu mette alla prova Silvestri che in due tempi blocca il tiro del turco, ma Piatek arriva di rapina e in scivolata insacca il 2-0. Manganiello però va all’on-field review e annulla la rete per fallo sul portiere del Verona che effettivamente aveva entrambe le mani sulla sfera. Polemiche nel finale per un fallo di Calabria su Pessina: l’arbitro assegna la punizione dal limite ed è espulsione per il terzino che salterà la sfida contro l’Inter.

TI PUO' INTERESSARE
SPONSOR

Loading...

PER APPROFONDIRE
ULTIME NOTIZIE