Mauro-Icardi

Inter-Barcellona 1-1: Icardi ed Handanovic bandiere, ecco perchè

Inter-Barcellona 1-1: Analisi partita, Icardi e Handanovic leader in campo.

INTER BARCELLONA 1-1 / In una San Siro gremita si registra il record assoluto di presenze, parte ancora l’inno della Champions League, inizia Inter – Barcellona. La squadra catalana deve fare a meno del suo numero 10 Leo Messi, infortunato.

Ma l’Inter deve farsi rispettare nel girone, vuole mantenere le distanze dal Totthenam ed affronta un Barcellona in piena forma. Ad aiutare la compagine nerazzurra allenata da Luciano Spalletti ci pensano i 2 giocatori tatticamente più lontani fra loro: il numero 1 Handanovic e Mauro Icardi, che si conferma in buona condizione. Adesso l’Inter rimane al secondo posto del girone, col Barcellona capolista a +3 e col Totthenam 3 punti sotto.

Inter-Barcellona 1-1: analisi partita

icardi inter barcellona
Mauro Icardi pareggia contro il Barcellona

ICARDI INTER BARCELLONA / Il portiere nerazzurro credeva di poter agguantare anche una vittoria dopo aver acciuffato il pareggio nei minuti conclusivi, ma in conferenza stampa con molta onestà ha ammesso la grandezza dei propri rivali blaugrana, che ritiene meritevoli di poter insegnare questo sport in tutto il pianeta.

I fatti parlano chiaro, in campo l’Inter è stata soggetta a continui pericoli e non è stata in grado di crearsi proprie occasioni, se non in sporadiche azioni. Il numero uno nerazzurro però si è fatto rispettare opponendo i propri guanti contro i 26 tiri avversari, che in ben 8 occasioni è riuscito a neutralizzare.

L’Inter continua a resistere ai numerosi attacchi blaugrana, prima Suarez calcia male in un’ottima occasione, Dembélé azzarda il tiro solo oltre i sedici metri, Coutinho insiste a calciare nello specchio, ma il calciatore catalano che resta più impresso rimane Malcom, forse perché durante la scorsa estate fu proprio lui ad essere accostato ai nerazzurri, che come scrive Gianluca Di Marzio pareva andasse alla Roma ed invece è stato strappato prepotentemente dal Bordaux per 41 milioni e messo a disposizione di Valverde.

Nonostante questo il calciatore è stato finora schierato molto raramente, ma ha ripagato confezionando un gol molto prezioso, il suo primo in questa edizione della Champions, che forse ha fatto dimenticare per una sera l’assenza di Messi, a Milano solo in tribuna.

Icardi ci mette una pezza, la determinazione dei numeri uno

ICARDI INTER / La partita incalza, fra le poche occasioni sfruttate dall’Inter c’è un tiro di Vecino che subisce una deviazione e finisce fra i piedi di Maurito, il centravanti nerazzurro non ci pensa due volte, si aggiusta il pallone e calibra un destro preciso fra le gambe del portiere blaugrana, è il pareggio, è l’87° minuto.

Adesso sia Icardi che Handanovic hanno un pensiero in comune, sanno che dal 2003 la loro squadra non è mai stata sconfitta dai catalani. La partita finisce, ma cresce in casa Inter la consapevolezza di stare nel posto giusto al momento giusto, la Champions è casa loro, testimone il fatto del record assoluto di tifosi accorsi per l’occasione.

Spalletti spera in una qualificazione agli ottavi, con gli occhi puntati sul prossimo impegno a Wembley, dove una eventuale vittoria renderebbe il tutto più semplice, ma con 2 professionisti determinati come Handanovic ed Icardi mai dire mai!

GIOCA E VINCI

Footballnews24.it è stato riconosciuto come portale di informazione tra i più attendibili secondo Google News. Se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre ultime notizie clicca qui

BlogNews

Other Articles

Leave a Reply

X
Consigliato
X
Show