Calciomercato Juventus: Ndombélé sempre più vicino al Barcellona, emissari in Francia martedì sera

CALCIOMERCATO JUVENTUS NDOMBELE – Nelle ultime settimane il nome di Tanguy Ndombélé è stato accostato a quello della Juventus.
Il centrocampista in forza al Lione, però, ha anche altre pretendenti, soprattutto il Barcellona, che sembrerebbe intenzionato a fare i primi passi per un suo acquisto.

Quale futuro per il difensore della squadra francese?

Calciomercato Juventus: Barcellona vicino a Ndombélé? Le ultime

CALCIOMERCATO JUVENTUS NDOMBELE BARCELLONA – Tanguy Ndombélé è sempre più vicino a diventare un giocatore del Barcellona.
Il centrocampista sta vivendo una stagione più che positiva e la sua valutazione è in ascesa, tanto da attirare le attenzioni dei più grandi club europei.

Il francese, però, secondo calciomercato.itaccostato nelle ultime settimane anche alla Juventus, sarebbe molto vicino al Barcellona.
Secondo il portale italiano, infatti, Ramon Planes si sarebbe recato in Francia martedì per visionare il giocatore nel match di UEFA Champions League tra il Lione, proprietaria del cartellino del centrocampista, e il Manchester City.

Ancora non ci sarebbe nessuna offerta ufficiale da parte dei Blaugranama seguiranno aggiornamenti in merito in modo da capire quale sarà il futuro di Ndombélé.

Juventus, continua la caccia al centrocampista

shutterstock_1012097449
Isco Real Madrid / Shutterstock.com

CALCIOMERCATO JUVENTUS RABIOT POGBA – La Juventus, che continua comunque a monitorare la situazione in merito ad un possibile trasferimento di Ndombélé in Italia, è sempre alla ricerca di un centrocampista.

L’ultimo nome, oltre ai soliti Rabiot e Pogba, sogni della dirigenza juventina, sarebbe quello di Isco.
Il centrocampista spagnolo, che non avrebbe gradito la tribuna nel match di UEFA Champions League contro la Roma, a causa di un ritardo, potrebbe decidere di cambiare destinazione.

Ecco perché i bianconeri monitorano quale potranno essere le cause delle scelte di Solari, e un possibile arrivo di Isco a Torino non sembra più così tanto un’utopia.