• Juventus
  • Serie A
Home Serie A notizie Juventus Juventus, la fine di un ciclo: Allegri saluta, Agnelli pesca il Jolly

Juventus, la fine di un ciclo: Allegri saluta, Agnelli pesca il Jolly

JUVENTUSLa Juventus pronta a salutare Allegri e lo farà nel migliore dei modi, il condottiero che è riuscito a portare ben 5 scudetti e 4 Coppe Italia, un record matematicamente irripetibile, o meglio, da battere. Il pensiero fisso, quello che molto probabilmente frullava nella testa di Agnelli e Nedved quando ieri hanno annunciato il futuro, un tempo senza ancora un sostituto e sicuramente il racconto premeditato dell’addio per premiare al meglio l’uomo che tanto è riuscito a portare nelle ultime stagioni. Allegri saluta e lascia festeggiando il 5° scudetto in casa, dove tutti ancora lo amano e anche insieme a chi lo ha odiato, ma in silenzio, perché non è semplice disfarsi di un uomo che ha portato solo vittorie, almeno all’interno delle nostre mura. Manca l’Europa, è mancata la Champions a questa Juve e l’ossessione ha dettato la scelta delle alte sfere anche se, bisogna pur dirlo, non sarà semplice trovare chi possa davvero sfidare e battere questo incredibile record italiano di Max Allegri, facendo anche meglio.

In casa Juve si pensa alla Champions, il chiodo fisso da tanti anni a questa parte, con 2 finali fallite e tante sfiorate. Neanche Cristiano Ronaldo è riuscito a risolvere questo infinito rebus bianconero, senza sfigurare ovviamente, perché se fosse stato per lui questa squadra in finale ci sarebbe andata anche quest’anno e si è visto sul campo. Il portoghese l’ha presa per mano, contro tutto e contro tutti quelli che non credevano in lui contro le “forti” difese italiane. Macché! Ronaldo c’è e ci sarà ancora, almeno per altri 3 anni e adesso bisogna trovare la nuova guida, quella che pensi davvero all’Europa e un pò meno all’Italia, dove tutto viene più semplice e dove ripetersi non sarà facile, ma di certo possibile. Mourinho, Pochettino, Simone Inzaghi, Guardiola, tanto lavoro per Agnelli, Nedved e Paratici perché prima si trova il nuovo condottiero e prima si definiranno altri possibili addii, quelli dolorosi come Dybala e Mandzukic tanto per citarne un paio. Parole, solo parole, oggi la Juventus festeggia lo scudetto, domani applaudirà il nuovo condottiero. Buon calciomercato a tutti!

Loading...
Loading...

Seguici su Facebook

Aiutaci a crescere!