mercoledì, 15 Luglio 2020 - 20:45
Calcio Champions League Juventus-Lokomotiv Mosca 2-1: un super Dybala la ribalta

DIRETTORE RESPONSABILE MAURO PACETTI

SERIE A

News e Calciomercato

Juventus-Lokomotiv Mosca 2-1: un super Dybala la ribalta

Juventus-Lokomotiv Mosc 2-1: prime “joye” per Dybala

JuventusLokomotiv Mosca 0-1. Questa l’ardua sentenza del primo tempo di una sfida che ha visto i bianconeri guidati da Maurizio Sarri mantenere il pallino del gioco per praticamente tutto il primo tempo. Anche per questo lo schiaffo di Miranchuck fa più male del solito. Ma la Juventus deve fare anche “mea culpa” non solo per le occasioni sprecate. Clamorosa quella capitata a Bonucci che, da pochi passi, ha spedito il pallone alto. Ma anche perchè la circolazione palla non è stata fluida come avrebbe dovuto e ha permesso alla Lokomotiv di fare una gara difensivamente attenta dimostrando di poter soffrire la maggior qualità degli avversari.

La Juventus dà subito l’impressione di voler mettere le cose in regola e la ripresa parte sulla falsariga del primo tempo. Un’occasionissima i bianconeri l’hanno avuta subito con Dybala che, girato di spalle davanti a Guilherme, ha spedito altissimo sulla traversa. La Lokomotiv, però, ha continuato con lo stesso atteggiamento guardingo del primo tempo e non ha concesso più di tante occasioni alle zebre. Neanche gli ingressi di Higuain e Rabiot al posto di Khedira e Matuidi riescono a fendere le difese della squadra russa. Inoltre la Juventus non sfrutta abbastanza i cambi di gioco sulla destra che potrebbero favorire un Cuadrado spesso lasciato solo dai difensori della Lokomotiv. Una dimostrazione concreta di ciò che sa fare il colombiano l’ha data su Idowi che si fa saltare di netto e permette alla “vespa” di mettere in mezzo un pallone sul quale non arriva nessuno. E’ una Juve che, però, procede troppo al piccolo trotto e non fa abbastanza movimento per aprire le linee di difesa avversarie. Sbaglia troppo tecnicamente la squadra di Maurizio Sarri e, sbilanciandosi in avanti alla ricerca del pari, si espone spesso ai contropiedi avversari.

Entra Higuain e Dybala sale in cattedra

Ma se la squadra appare troppo compassata, ci pensa la coppia argentina Higuain-Dybala a farle condurre le danze. Prima infatti il Pipita ci prova con un tiro dal limite e un colpo di testa che finisce fuori, poi è la Joya a salire in cattedra. Paulo ribalta la sfida con un sinistro a giro dal limite che lascia di sasso Guilherme (76′) e porta in vantaggio i suoi avventandosi da vero centravanti su un tiro respinto dalla distanza di Alex Sandro (80′). Non male per un giocatore che era apparso troppo impreciso e non aveva dato una mano in fase di finalizzazione.

Juventus, comunque, giustamente premiata per quanto prodotto durante la gara: i bianconeri hanno lavorato l’avversario con pazienza e, sebbene nella parte centrale sembravano aver perso il controllo della partita, sono usciti alla fine grazie alla propria qualità, che è riuscita a far saltare gli schemi degli avversari. A nulla servono i tentativi della Lokomotiv Mosca di buttarsi in avanti inserendo Kolomejcev al posto di Krychowiak, la squadra di Sèmin non ha creato pericoli alla porta bianconera. Finisce 2-1 una partita in cui la Juventus ha tremato, rimontando uno svantaggio che rischiava di complicare oltremodo la qualificazione. Prime “joye” per Dybala che torna in versione Barcellona e illumina il cielo dello “Stadium” con due lampi.

LEGGI ANCHE

ULTIME NOTIZIE

I nostri consigli ONLINE GRATIS!

Seguici sul nostro canale Telegram, clicca qui