venerdì 19 Aprile | 08:32
  • Serie A
  • Home
  • Live
Serie A notizie Juventus Juventus, parte il toto-allenatore: salgono le quotazioni di Deschamps

Juventus, parte il toto-allenatore: salgono le quotazioni di Deschamps

Deschamps o Conte nel futuro della Vecchia Signora

Ti potrebbe interessare

JUVENTUS – In attacco c’era il trio tutto italiano composto da Vialli, Ravanelli e Del Piero, in difesa il volto nostalgico dell’inossidabile Vierchwood e a centrocampo la qualità, i muscoli e la grinta di Conte e Deschamps. Sono passati 23 anni dall’ultima Champions conquistata, all’Olimpico di Roma, dalla Juventus di Marcello Lippi. Il rigore decisivo di Jugovic e gli errori dal dischetto di Davids e Silooy, così, spalancarono la porta ai festeggiamenti della Vecchia Signora, salita per la seconda volta sul tetto d’Europa dopo la tragedia dell’Heysel. Avversario di turno proprio quell’Ajax che, nella giornata di ieri, ha strapazzato e spazzato via quasi inaspettatamente le velleità di Ronaldo e compagni.

Juventus, Allegri con le valigie in mano: Deschamps o Conte per la successione

ALLEGRI JUVENTUS DESCHAMPS – Due degli eroi dell’ultima Champions bianconera erano presenti, ieri, allo Juventus Stadium per assistere al remake della finale del 1996 tra Juventus e Ajax. Stiamo parlando di Didier Deschamps e Antonio Conte, individuati dalla stampa come i candidati principali a raccogliere l’eredità di Massimiliano Allegri. Zinedine Zidane, infatti, è tornato alla Casa Blanca, ritirandosi di fatto dalla corsa alla panchina della Vecchia Signora. Dna al 100% bianconero ed esperienze pregresse da giocatore e allenatore della Juventus, questo è ciò che accomuna il tecnico francese e quello leccese.

- Advertisement -

Didier Deschamps ha guidato Del Piero e compagni nella risalita in Serie A, prendendo in consegna l’arduo compito di far dimenticare ad ambiente e tifosi i veleni e le umiliazioni legate a Calciopoli. Antonio Conte, invece, ha aperto in bianconero l’ennessimo ciclo vincente, il più lungo della storia del campionato italiano. Otto scudetti consecutivi che, in ogni caso, non servono a cancellare l’amarezza dell’eliminazione ai quarti di finale di Champions League. Non è bastato l’acquisto milionario di Cristiano Ronaldo e una campagna di rafforzamento praticamente perfetta per mettere le mani su quella coppa che, ormai, manca da tanto, troppo tempo. Nonostante le rassicurazioni di Andrea Agnelli e, appunto, l’ottavo sigillo in campionato, Massimiliano Allegri è destinato a lasciare Torino dopo cinque anni di successi. Nel futuro uno tra Deschamps e Conte, forse anche per una questione di cabala. Un tentativo di esorcizzare una maledizione lunga 23 anni.

 

SNAI SCOMMESSE

© RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Ultime notizieLive
News e calciomercato