Dopo il mancato rigore in Roma – Inter l’arbitro Fabbri potrebbe trovarsi nei guai

ROMA INTER FABBRI / Fa ancora discutere la partita giocata tra Roma e Inter la scorsa domenica. Finita con un pareggio 2-2 ma anche con una valanga di polemiche. Sembrerebbe infatti che l’arbitro non abbia dato un rigore netto per la squadra giallorossa, scatenando un vespaio a fine partita. Tantissime sono state le proteste, anche quella dell’ex capitano della Roma Francesco Totti.

Non è passata inosservata questa “svista”, tanto che anche il presidente dell’AIA Marecllo Nicchi avrebbe preso provvedimenti a riguardo. “Non capisco come sia stato possibile commettere un errore così, è inconcepibile”.

Il direttore di gara Michael Fabbri avendo un ragionevole dubbio sull’episodio avrebbe dovuto chiamare il VAR per far luce sulla natura del contatto tra D’Ambrosio e Zaniolo. Ma questo non è avvenuto. Secondo quanto riportato dalla Gazzetta dello Sport, Fabbri subirà un periodo di stop forzato. Ora l’AIA per evitare altri episodi del genere, starebbe pensando di creare un vero gruppo di addetti al VAR, oltre ad arbitri in attività sforando così il limite d’età massima. L’intento è quello di allargare il raggio d’azione e commettere meno errori possibili.