de zerbi
De Zerbi / shuttershock.com

Dichiarazioni De Zerbi e Nicola post Sassuolo-Udinese 0-0

SASSUOLO UDINESE DICHIARAZIONI / Si è da poco conclusa sul punteggio di 0-0 la partita tra Sassuolo e Udinese. Poche occasioni nitide per le due squadre e tanti errori in fase di sviluppo della manovra.

L’Udinese ha giocato una partita prettamente difensiva, con l’imperativo di provare ad offendere ad ogni ripartenza. Un punto che, alla fine dei giochi, premia più i friulani degli emiliani. Secondo risultato utile consecutivo da quando Nicola siede sulla panchina nerazzurra.

Un pari amaro invece per il Sassuolo, che ha dato maggiormente l’idea di essere pericoloso rispetto agli avversari. Quella che è mancata alla squadra di De Zerbi è stata la cattiveria in fase d’attacco, con Babacar poco coinvolto e Berardi sempre raddoppiato.

Ecco le dichiarazioni post-partita di Roberto De Zerbi e Davide Nicola al termine di questo Sassuolo-Udinese.

Sassuolo-Udinese 0-0: le parole di De Zerbi

DICHIARAZIONI DE ZERBI / Queste le parole del tecnico del Sassuolo, che ha sottolineato come la squadra abbia pagato l’atteggiamento timoroso dei primi 45 minuti, aumentando il ritmo solo nella ripresa. “Abbiamo fatto quasi sempre noi la partita. Purtroppo nel primo a tempo abbiamo giocato con il freno a mano. Ci siamo portati dietro la sconfitta di Parma, per questo eravamo troppo condizionati.

Nel secondo tempo abbiamo giocato ad una porta. Abbiamo creato senza far goal, dovevamo essere meno precipitosi e più lucidi, anche più fortunati, ma ho visto un buon Sassuolo.

Quando la squadra è così giovane può peccare di fragilità, dobbiamo lavorare sull’autostima. Siamo stati troppo condizionati e frenati dalla partita precedente e questo non deve succedere ad una squadra matura. Ancora noi non lo siamo” ha detto con una nota d’amarezza mister De Zerbi.

Sassuolo-Udinese 0-0: le dichiarazioni di Nicola

DICHIARAZIONI NICOLA / Queste invece le parole di Davide Nicola ai microfoni di Dazn. L’allenatore dei bianconeri ha utilizzato parole al miele per i suoi ragazzi, apprezzandone la caparbietà. “Abbiamo tenuto bene contro una squadra organizzata come il Sassuolo, alla quale abbiamo concesso due occasioni. Su questo campo ha vinto solo il Milan, quindi giocare qui non è mai semplice.

Dovevamo consolidare la solidità difensiva di cui avevamo bisogno. Nei primi 25 minuti abbiamo provato a fare qualcosa in più e lo vogliamo fare anche nel futuro. È importantissimo essere riusciti a dare continuità di prestazione e concentrazione”.

Alla domanda sulla difficoltà di lavorare in un nuovo ambiente, Nicola ha risposto così: “La mia necessità è di conoscere tutti i giocatori a disposizione allenandoli. Conoscere le potenzialità, come ragionano, che emozioni provano. Bisogna tessere delle relazioni che con il tempo ti portano a raccogliere qualcosa in più“.