Doppio esonero Roma: il retroscena che fa emergere il ruolo di Totti

Il ruolo di Totti dietro i cambiamenti societari della Roma

francesco totti
Francesco Totti / shuttershock.com

Roma, i veri motivi dell’ esonero di Di Francesco e Monchi

Il recente esonero di Di Francesco ha fatto tanto parlare (e discutere) i tifosi della Roma. L’ex allenatore dei giallorossi si è trasformato infatti da eroe e leader per i grandi risultati ottenuti in Champions League nella passata stagione, a fonte e causa dei principali problemi della squadra nella stagione in corso. Il suo esonero è stato subito seguito anche da quello di Monchi, che ha sancito un cambio di rotta notevole per la società. Ma se questi cambiamenti non fossero dovuti all’andamento della squadra, quanto piuttosto ad una strategia di fondo?

Ranieri: un tecnico esperto legato alla capitale

Ranieri è infatti un nostalgico ritorno di un uomo nato e cresciuto a Testaccio, quartiere a pochi metri di distanza da Porta Metronia, la zona di Francesco Totti. Una nuova società quindi, formata da uomini che hanno nel proprio DNA lo spirito della capitale, e che nutrono perciò il desiderio di portare in alto la società. Una Roma quindi che vuole fare della propria bandiera una presenza costante e decisiva nelle scelte gestionali del club.

Francesco Totti sempre più leader della società giallorossa

La figura di Totti è stata per la Roma un simbolo che mostrava a tutti i valori nella quale i tifosi e la squadra si potevano identificare. Mantenere la presenza del capitano anche dopo la fine della sua carriera calcistica può essere per la società un valore aggiunto. Rendere il Pupone sempre più profondamente coinvolto nelle vicende societarie, concederebbe inoltre al giocatore quel lieto fine che avrebbe desiderato nella conclusione della propria carriera.

 





SNAI SCOMMESSE

© RIPRODUZIONE RISERVATA