Torino, parla Mazzarri: “Giusto fermarsi, ma più carico di prima”

MAZZARRI TORINO / È tornato a parlare Walter Mazzarri, nella conferenza stampa della vigilia del match di Serie A tra Torino e Genoa. L’allenatore toscano è tornato sul brutto episodio del malore che lo ha colto, ribadendo la voglia di tornare.

Visibilmente sereno l’allenatore toscano, che è tornato a ribadire la volontà di lasciarsi alle spalle lo spavento e la debolezza che sono seguiti al malore che lo ha colto lo scorso venerdì 24 novembre.

Il tecnico siederà regolarmente in panchina nella gara contro il Genoa. Una liberazione vera e propria per uno che, come lui, senza panchina non può stare. Queste le parole dell’allenatore del Torino: “Solitamente durante la mia carriera sono sempre stato io a prendere le decisioni.

Per la prima volta ho subìto la scelta del presidente e del dottore. Entrambi mi hanno fermato e mi hanno dato la dimostrazione di quanto mi vogliano bene“.

Il tecnico ha voluto anche ringraziare tutti i presenti in conferenza stampa per le dimostrazioni d’affetto che sono arrivate durante il periodo di convalescenza: “Ho avuto la sensazione che tante gente mi vuole più bene di quanto me ne voglia io” ha detto Mazzarri.

Era necessario fermarsi un attimo. Ho fatto un check-up e mi ha fatto bene. Ora mi sento più carico e voglioso di prima. Voglio dare il massimo per i colori del Torino. Ringrazio anche i miei colleghi, che mi hanno dimostrato affetto e considerazione.

Ho avuto anche un attimo di commozione. Mi scuso per non essere riuscito a rispondere a tutti i messaggi perché erano veramente tanti“.

Le parole di Mazzarri sulla partita con il Genoa

MAZZARRI TORINO GENOA / L’ex allenatore di Sampdoria e Napoli ha poi continuato la conferenza stampa concentrandosi sull’ostacolo Genoa. Una partita che nasconde delle insidie. “Il Genoa è una squadra temibile, gioca in modo molto aggressivo.

Dobbiamo tenere a mente gli errori che abbiamo commesso in passato, specialmente quelli commessi contro il Parma. Non dobbiamo concedere ripartenze e non dobbiamo sottovalutarli.

Loro hanno giocatori molto veloci ma noi dobbiamo mettere tutta l’attenzione del mondo per poterli fermare. Dobbiamo imporre il nostro gioco.

Forse in casa sbagliamo approccio perché i ragazzi sentono la pressione di dover spaccare tutto quando giocano davanti ai propri tifosi. Abbiamo lavorato tanto sul fattore concentrazione, modificheremo qualcosa rispetto alle nostre solite abitudini.

La squadra deve avere adrenalina già dai primi minuti. Io ho molta fiducia in questo gruppo” ha concluso Mazzarri.