in

Nuno Mendes, la qualità che piace a Milan e Juventus

Nuno Mendes il fenomeno che piace a Milan e Juventus
Nuno Mendes il fenomeno che piace a Milan e Juventus

Milan e Juventus potrebbero tornare ad infiammare i loro duelli in campo per le parti nobili della classifica, ma allo stesso tempo potrebbero dar vita anche ad appassionanti duelli in sessione di calciomercato. I rossoneri, infatti, al momento sono primi da soli in campionato con i bianconeri che, dopo tanti anni, si ritrovano ad inseguire. Una situazione probabilmente provvisoria, visto che si sono giocate soltanto 4 giornate di campionato.

Nei giorni scorsi, però, il Presidente della Juventus Andrea Agnelli aveva ridato importanza alla posizione del Milan, dopo anni di anonimato, affermando che bianconeri, rossoneri e anche l’Inter sarebbero stati i capisaldi per trovare stabilità all’interno della Lega di Serie A. Così, dopo che Maldini e Massara in estate hanno strappato Sandro Tonali all’Inter, un nuovo duello, questa volta con la Vecchia Signora, sarebbe pronto ad infiammare le prossime sessioni di calciomercato.

L’AUTORE CONSIGLIA

Calciomercato Milan, l’obiettivo è Nuno Mendes: 18 anni, già titolare dello Sporting Lisbona

Questa volta, l’obiettivo comune tra le due squadre sarebbe un difensore. Per l’esattezza si tratterebbe di un terzino sinistro. Al momento, il Milan, in quel ruolo può vantare le qualità dello straripante Theo Hernandez, per il quale non mancherebbero però certe pretendenti. La Juventus, invece, a sinistra impiega il brasiliano Alex Sandro, ma la dirigenza non sarebbe pienamente convinta delle sue prestazioni. Così da Via Aldo Rossi e da Torino, sarebbero pronti a sfidarsi per un diciottenne, già titolare nel proprio club di appartenenza.

Nuno Mendes, giocatore dello Sporting Lisbona
Nuno Mendes, giocatore dello Sporting Lisbona

Si tratta di Nuno Mendes, portoghese dello Sporting Lisbona, con una clausola rescissoria già molto alta, da ben 45 milioni di euro. Il calciatore, già nel giro della Nazionale maggiore del Portogallo, sarebbe nel mirino anche di altre big europee, come Arsenal, Manchester United, Liverpool e Real Madrid. Nonostante la giovanissima età Nuno Mendes vanta già 14 presenze ed una rete messa a segno, qualche giorno fa contro la Portimoense, con il club biancoverde, con il quale ha il contratto in scadenza il 30 giugno 2025 e l’attuale tecnico dei portoghesi Ruben Amorim che crede molto nel futuro del giocatore.

LEGGI ANCHE  Juventus-Ferencvaros, la grande occasione per Dybala

LEGGI ANCHE

Sporting Lisbona, lo scopritore di Nuno Mendes: “Il primo gol lo fece con un no look alla Ronaldinho”

A raccontare le doti del giovane terzino sinistro, a Record, il suo scopritore, Bruno Botelho. “All’età di nove anni lo segnalai al Despertar. Facemmo un’esercitazione in allenamento, uno contro uno. Lui alzò la palla e realizzò un gol come faceva il brasiliano ex Barcellona e Milan Ronaldinho, con un colpo no look”. Sulle sue tracce poi arrivarono Benfica, Sporting Lisbona e Porto. Era un attaccante, trasformato poi in terzino nel corso degli anni e della crescita.

LEGGI ANCHE  Calciomercato Milan, dalla Francia sicuri: Maldini chiude l'affare

Lo stesso Nuno Mendes ha raccontato il suo incontro con lo scout dello Sporting Lisbona, Akil Momade. “Mi ha visto giocare e mi voleva parlare. Un giorno si presentò a casa mia mentre ero da solo. Mi sembrava strano, così presi un coltello in cucina. Poi aprii la porta, e vedendolo mi tranquillizzai. Mi mostrò il tesserino dello Sporting Lisbona dicendo che mi volevano. Accettai con tutto il mio cuore”. I suoi idoli sono il terzino del Real Madrid Marcelo, quello del Bayern Monaco David Alaba e Leo Messi, oltre ovviamente a Cristiano Ronaldo.

Sporting Lisbona, Nuno Mendes solo l’ultimo dei campionissimi: alla Juventus c’è proprio Cristiano Ronaldo

Tornando al possibile duello di mercato tra Milan e Juventus per il diciottenne Nuno Mendes, fondamentali potrebbero essere le presenze nelle due squadre di alcuni tra i giocatori che hanno fatto le fortune economiche dello Sporting Lisbona. Tra i più rappresentativi, uscito dalla scuola del club portoghese, il bianconero Cristiano Ronaldo. CR7, dopo lo Sporting Lisbona, si trasferì al Manchester United, avviando la sua straordinaria carriera fatta di titoli in Spagna, Inghilterra ed Italia, Champions League e ben 5 Palloni d’Oro.

Proprio Nuno Mendes gli ha tolto il record di debuttante più giovane con la maglia del club biancoverde. Al Milan, invece, è uscito dalla scuola del club portoghese l’ultimo arrivato, anche lui passato per il Manchester United e con lo stesso ruolo di Nuno Mendes, vale a dire il ventenne Diogo Dalot. Prima di lui, anche il nuovo talento offensivo del Milan, Rafael Leao, era cresciuto nel settore giovanile del club portoghese ed oggi si appresta a diventare uno dei punti fermi di Stefano Pioli in rossonero. Un altro talento passato per l’Italia e cresciuto nello Sporting Lisbona è Ricardo Quaresma, che ha però deluso diverse stagioni fa nella sua avventura all’Inter.

Commenti

Lascia un commento

Loading…

0

Vota Articolo

749 points
Upvote Downvote
Hakan Calhanoglu, centrocampista del Milan

Milan, infortunio Calhanoglu: salta l’Europa League

Europa League, il Covid-19 mette in ginocchio l'Az Alkmaar: Napoli a rischio

Europa League, il Covid-19 mette in ginocchio l’Az Alkmaar: Napoli a rischio