in

Pagelle Milan-Lazio 2-0, è tornato Ibrahimovic: Sarri espulso

Il Milan batte la Lazio a San Siro, anche grazie al ritorno in campo di Ibrahimovic: nervosismo nel finale, con Sarri espulso

Zlatan Ibrahimovic, attaccante del Milan @Image Sport
Zlatan Ibrahimovic, attaccante del Milan @Image Sport

Il Milan si aggiudica il big match della domenica di Serie A battendo 2-0 la Lazio a San Siro, grazie alle reti di Leao e Ibrahimovic. Da segnalare anche un rigore sbagliato da Kessié negli ultimi secondi del primo tempo. Biancocelesti annichiliti dal pressing asfissiante e dalla qualità dei rossoneri, i ragazzi di Sarri non sono mai riusciti ad imporre il loro gioco.


Leggi anche:


Milan-Lazio 2-0: la cronaca del match

Partita divertente quella terminata poco fa a San Siro tra Milan e Lazio. I padroni di casa partono subito forte con un pressing asfissiante e costante che blocca tutte le linee di passaggio degli ospiti e recuperano molti palloni. Da questa pressione continua nascono le prime occasioni per i rossoneri: prima ci prova Tomori con un colpo di testa che termina a lato, poi Theo Hernandez con un tiro dalla distanza che finisce alto, in seguito sale in cattedra Leao, che con le sue percussioni in velocità sulla fascia semina il panico nella retroguardia biancoceleste, lasciando più volte sul posto un frastornato Marusic. Il primo quarto d’ora è un monologo dei ragazzi di Pioli, poi al 17′ primo squillo capitolino con l’incornata di Milinkovic-Savic, ma Maignan blocca con una presa plastica.

[irp]

Si tratta di una piccola fiammata, però, perchè il Milan torna a rubare palla diverse volte agli avversari, soprattutto con la coppia di mediani formata da Tonali e Kessié. Al 23′ azione avvolgente dei rossoneri, Rebic appoggia per Calabria che mette a lato di poco, mentre un minuto dopo colpo di testa di Leao su invito di Tonali che finisce alto sopra la traversa. Nella fase centrale della prima frazione i ragazzi di Sarri non riescono ad uscire con facilità dalla propria metacampo, nonostante Pedro si sacrifichi in fase difensiva. Al 44′ il gol che sblocca il match: Leao parte palla al piede e inizia una cavalcata di 40 metri che non lascia scampo a chi cerca di contrastarlo, scambia con Rebic e conclude di precisione depositando la sfera all’angolino. Pochi minuti dopo, negli ultimi istanti del primo tempo, contatto in area tra Immobile e Kessié: l’arbitro va a vedere l’azione al Var e assegna il calcio di rigore a favore dei rossoneri, ma l’ivoriano spreca dal dischetto calciando sulla traversa.

[irp]

Nella ripresa ritmi decisamente più blandi, con il primo tiro degno di nota al 52′, una conclusione di Tonali sbilenca. Intanto Immobile viene contenuto benissimo da Tomori e Romagnoli. A 60′ il momento che tutti stavano aspettando a San Siro: entra in campo Zlatan Ibrahimovic. Lo svedese  ci mette pochissimo per tornare ad infiammare lo stadio: al 67′ verticalizzazione di Tonali per Rebic, il croato si invola sulla fascia, mette al centro per il classe 1981 che deposita in rete a porta sguarnita per il 2-0 Milan. A questo punto, la partita cala notevolmente d’intensità, la Lazio accenna una reazione, ma non si rende mai veramente pericolosa. Al 74′ Bakayoko, appena entrato, deve subito uscire dal campo per un problema fisico, al suo posto Bennacer. I cambi di Sarri non servono per sovvertire le sorti di una sfida ormai segnata e che termina dunque 2-0 per i rossoneri, con tanto di nervosismo finale di Sarri, che viene espulso dopo il triplice fischio.

Ante Rebic e Francesco Acerbi durante Milan-Lazio @Image Sport
Ante Rebic e Francesco Acerbi durante Milan-Lazio @Image Sport

Pagelle Milan

Maignan  6

Calabria 6,5

Tomori 7

Romagnoli 7

Theo Hernandez 6,5

Tonali 7,5

Kessié 6,5

Florenzi 6

Brahim Diaz 7

Leao 8

Rebic 7

Ibrahimovic 7

Bakayoko S.V.

Saelemaekers 6

Bennacer 6

Ballo-Touré S.V.

Maurizio Sarri, tecnico della Lazio @Image Sport
Maurizio Sarri, tecnico della Lazio @Image Sport

Pagelle Lazio

Reina 6

Marusic 4,5

Luiz Felipe 4,5

Acerbi 5,5

Hysaj 5,5

Milinkovic-Savic 6

Leiva 5,5

Luis Alberto 5

Pedro 6

Immobile

Felipe Anderson