in

Parma-Udinese 2-2, D’Aversa: “Le partite vanno chiuse, poca cattiveria sotto porta…”

Il tecnico degli emiliani recrimina per la cattiva gestione del doppio vantaggio: il Parma guadagna un punto sul Cagliari, ma la situazione di classifica rimane delicata

Roberto D'Aversa, allenatore del Parma @Image Sport
Roberto D'Aversa, allenatore del Parma @Image Sport

Parma-Udinese 2-2, D’Aversa loda la prestazione dei suoi

È un D’Aversa decisamente rammaricato, quello che si presenta ai microfoni di Sky Sport nel post-partita di ParmaUdinese. La partita è terminata 2-2, con gli emiliani che si sono fatti rimontare due reti nella seconda metà del secondo tempo. “È giusto essere delusi per il risultato portato a casa, ma non per la prestazione“, ha esordito il tecnico dei gialloblu. “Il match di oggi è la chiara dimostrazione che in Serie A, quando si ha la possibilità di chiudere una partita, bisogna farlo alla svelta“.

Il Parma ha gestito il doppio vantaggio sino a metà ripresa, quando l’Udinese ha accorciato le distanze con Okaka. Da lì, nel giro di un quarto d’ora, i friulani hanno raggiunto il pareggio con la rete di Nuytinck. “Sia sul 2-0 che nel finale abbiamo avuto diverse occasioni per chiuderla, ma non siamo stati abbastanza cattivi“. E D’Aversa non può che recriminare i 3 punti mancati, 3 punti che a Parma mancano da quasi tre mesi.

Roberto D’Aversa, tecnico del Parma

Parma-Udinese 2-2, D’Aversa: “Ci assumiamo le nostre responsabilità”

Abbiamo avuto sia episodi a favore che a sfavore, ma ciò che lascia l’amaro in bocca è la gestione dei cartellini“, ha proseguito D’Aversa nel post-partita. “Ci sono state più ammonizioni che falli. In ogni caso, dobbiamo guardare solamente a noi stessi“. Un accenno anche sui casi GervinhoKurtić, entrambi non convocati per la sfida contro i friulani: “Ho deciso di mandare entrambi in tribuna poiché da loro mi aspetto sempre la massima professionalità“, ha affermato il tecnico con fermezza.

Il Parma vive una delicata situazione di classifica, e D’Aversa si assume le proprie responsabilità insieme al suo staff. “È giusto che ognuno di noi si senta responsabile del proprio operato“, ha detto il tecnico in merito ai pochi punti racimolati sotto la sua gestione. “Sono qui da sette partite, e la vittoria non è ancora arrivata; le qualità per raggiungere il nostro obiettivo non mancano, ma tutti dobbiamo ragionare sui nostri errori”. Infine, un pensiero per i nuovi acquisti stranieri: “Ci vorrà tempo, sia dal punto di vista della comunicazione linguistica che sul piano della comunicazione degli aspetti tattici“.

Inter-Milan

Milan-Inter Streaming gratis | la gara in DIRETTA LIVE

Romelu Lukaku e Lautaro Martinez (Inter) @Image Sport

Mani sullo scudetto: l’Inter schianta 3-0 il Milan