Porto-Inter, dai gol in trasferta al pericolo Taremi: la statistica preoccupa Inzaghi

Alla vigilia della sfida tra Porto e Inter, oltre al pericolo Taremi, una statistica preoccupante potrebbe allarmare mister Inzaghi

Alessandro Bongiorno Topics:
2 Min di lettura

SEGUICI SUI SOCIAL

Alla vigilia della delicata sfida che deciderà quale club, tra Inter e Porto, accederà ai quarti di Champions League, una preoccupante statistica potrebbe allarmare Simone Inzaghi. Reduci dalla sconfitta inaspettata contro lo Spezia, Lautaro e compagni vorrebbero riscattarsi in Europa. Per ottenere il passaggio del turno, ai nerazzurri basterà proteggere il successo dell’andata, vinta per 1-0 a San Siro. Tuttavia, la squadra di Conceiçao sa come eliminare le italiane e avrebbe nell’Estadio do Dragao un fedele alleato.

Samir Handanovic, Inter - @livephotosport
Samir Handanovic, Inter – @livephotosport

Inter, serve un rimedio alla difesa: il Porto può far male in casa

I nerazzurri vorrebbero raggiungere i cugini del Milan ai quarti di finale, ma il Porto potrebbe nascondere più insidie del previsto. L’Inter ha vinto solo una delle otto trasferte contro le squadre portoghesi nelle principali competizioni europee. Inoltre, il fattore trasferta potrebbe far preoccupare Simone Inzaghi. La sua squadra ha subito infatti 29 reti in 16 incontri, tra Serie A e Champions, disputati lontano da Milano. Numeri che farebbero sorridere Taremi, che ha già preso parte a sette gol nelle sei presenze nel torneo.

Porto @Livephotosport
Porto @Livephotosport

Come se non bastasse, secondo i dati Sbostats sui quali si basa l’approfondimento, il Porto è recentemente diventata la bestia nera delle squadre italiane. I lusitani hanno infatti vinto tutte le ultime quattro partite casalinghe in Europa contro le squadre tricolori. Nello specifico, le vittime dell’Estadio do Dragao sono state in successione Roma, Juventus, Milan e Lazio. L’Inter di Inzaghi avrebbe così l’arduo compito di interrompere questo filotto negativo, magari ripetendo la prestazione vista a Barcellona.

Condividi questo articolo