in

PSG, altro che Fair Play Finanziario: che dream team con Sergio Ramos

Dopo l’arrivo di Donnarumma, Hakimi e Wijnaldum ecco Sergio Ramos, a mercato non ancora concluso adesso il Psg sogna una super squadra: e il Fair Play Finanziario?

Al-Khelaifi, Presidente del Psg
Al-Khelaifi, Presidente del Psg

Alla faccia del Fair Play

C’era un tempo, si parla del settembre del 2009, in cui il più importante organo di governo del calcio europeo, ovvero la Uefa, decideva di introdurre un meccanismo capace di limitare i grandi investimenti delle più ricche società calcistiche. L’obiettivo era di preservare i valori meritocratici del calcio senza creare enormi sperequazioni tra i club più e meno facoltosi. Se si osservasse l’attuale campagna acquisti del Paris Saint Germain, considerando di trovarci ancora ai primi di luglio, sembrerebbe inevitabile considerare questo meccanismo come già fallito.

[irp]

Invece non è così. Il Fair Play Finanziario è ancora in vigore ed ogni anno fanno sempre più discutere le operazioni di alcune società capaci di circumnavigare i limiti imposti dalla federazione. Proprio a Parigi la squadra della capitale, sfruttando il momentaneo alleggerimento dei “paletti” stabiliti dalla Uefa, sta via via plasmando un vero e proprio dream team tramite una faraonica campagna acquisti. Campagna che parrebbe essere tutt’altro che conclusa.

Ramos ok, ora a chi tocca?

Andando con ordine, come spiegato, l’acquisto di Sergio Ramos non è il primo della sessione estiva del PSG. L’ex difensore del Real Madrid è soltanto l’ultimo di una lunga lista di stelle pronte ad illuminare la notte parigina. Incominciando dall’olandese Wijnaldum, passando per l’ex Inter Hakimi arrivando infine a Gianluigi Donnarumma, non ancora presentato ufficialmente perché attualmente impegnato con la nazionale di Roberto Mancini ad Euro 2020.

[irp]

Presentato invece ieri a stampa e fotografi Ramos ha fin da subito espresso la sua volontà di conquistare titoli all’ombra della Tour Eiffel (e conoscendolo stupirebbe il contrario). Ecco le sue prime parole con le vesti del Paris: “Sono molto felice di aver firmato col PSG. Ho cambiato vita e sono pronto per questa nuova sfida. Sono orgoglioso di questa scelta, non dimenticherò mai questo giorno e sono qui per vincere. Il Paris Saint-Germain ormai è una realtà, ha grandi giocatori e vuole continuare a crescere, proprio come me. Siamo accomunati dal medesimo obiettivo: vincere titoli”.

Finita qui? Assolutamente no. Secondo quanto riportato dalla rivista francese Equipe il prossimo sogno del presidente qatariota Al-Khelaïfi sarebbe nientemeno che l’ex Juventus Paul Pogba, il cui contratto col Manchester United è in scadenza nel 2022. Insomma, si prospetta una calda estate a Parigi, alla faccia del Fair Play Finanziario.