Claudio Ranieri, allenatore della Sampdoria @imagephotoagency

Ranieri in bilico, via al casting: Ferrero rivoluziona la Sampdoria

La Sampdoria cambia pelle, Claudio Ranieri andrà in scadenza al termine della stagione e potrebbe lasciare la Genova blucerchiata: l’ex tecnico del Leicester però potrebbe non essere l’unico a dare l’addio, il patron Massimo Ferrero è pronto a rivoluzionare l’organigramma societario

Decimo posto in classifica con 36 punti, salvezza quasi in cassaforte eppure nella prossima stagione potremmo assistere ad una vera e propria rivoluzione in casa Sampdoria. Il presidente blucerchiato Massimo Ferrero non solo potrebbe non confermare Claudio Ranieri, in scadenza di contratto, ma starebbe pensando di attuare un restyling dell’intero organigramma societario. Fine ciclo o voglia di sognare in grande? Il patron doriano ama tener sulle spine i propri tifosi e chissà che dietro a queste eventuali decisioni non ci sia un desiderio di provare a rivivere la straordinaria stagione 2009-2010 quando la Doria di Gigi Del Neri, trascinata dai gol di Pazzini e dagli assist di Cassano, riuscì a qualificarsi ai preliminari di Champions League.

Ranieri in bilico, da Stankovic a Stroppa: via al casting

Sir Claudio Ranieri potrebbe interrompere il rapporto professionale con la Sampdoria al termine della stagione, o meglio il presidente Massimo Ferrero potrebbe non rinnovare il contratto in scadenza dell’allenatore romano. Stando alle indiscrezioni de Il Secolo XIX, la dirigenza doriana avrebbe già iniziato a sondare i primi nomi per sostituire il fautore del miracolo Leicester.

Dejan Stankovic, ex Inter e Lazio, allenatore della Stella Rossa
Dejan Stankovic, ex Inter e Lazio, allenatore della Stella Rossa

Il primo sarebbe quello di Dejan Stankovic, attuale tecnico della Stella Rossa che Ferrero avrebbe incontrato a Roma. Incontro favorito dal connazionale dell’ex calciatore dell’Inter Sinisa Mihajlovic che a sua volta sarebbe il principale obiettivo per la panchina della Sampdoria in vista della prossima stagione. Il Mihajlovic bis però è un sogno destinato a rimanere tale, il contratto dell’attuale allenatore del Bologna andrà in scadenza nel 2023 e il “re delle punizioni in Serie A” vorrebbe proseguire l’avventura con i felsinei.

Le alternative sono tante e corrispondono a Ivan Juric e Vincenzo Italiano. Anche i condottieri di Verona e Spezia sarebbero stati contattati da Ferrero, semplici valutazioni invece per Semplici e D’Aversa, per quest’ultimi due la scelta del direttore sportivo potrebbe rivelarsi fondamentale, mentre non convincono al momento i vari Maran, Gotti, Liverani e Stroppa.

D'Aversa (Parma) e Semplici (Cagliari)
D’Aversa (Parma) e Semplici (Cagliari)

Altra ipotesi al vaglio, invece, un po’ a sorpresa, sarebbe Paolo Zanetti. Il tecnico del Venezia da un lato stuzzica le fantasie di Ferrero che potrebbe optare per una soluzione low-cost, con un ingaggio alla portata, ma la poca esperienza in Serie A dell’ex calciatore del Torino potrebbe convincere il numero uno della Genova doriana a virare su altri obiettivi.

Vagnati o Faggiano: chi sarà il nuovo Ds

Il cambio al timone non è l’unico obiettivo di Ferrero che starebbe pensando di riorganizzare l’assetto societario del settore giovanile e potrebbe salutare Carlo Osti e Riccardo Pecini, rispettivamente direttore sportivo e capo dell’area scouting della Sampdoria. La scelta del nuovo Ds potrebbe sbloccare anche la questione allenatore, a patto che l’esuberante patron non decida alla fine di confermare Ranieri e perchè no anche l’eterno Fabio Quagliarella, altro nodo da sciogliere in estate.

In lizza ci sarebbero Daniele Faggiano, Davide Vagnati, Cristiano Giuntoli e Tony D’Amico. Difficile mettere sotto contratto gli attuali dirigenti di Napoli e Verona, più percorribili le piste Faggiano e Vagnati: il primo, dopo la breve esperienza col Genoa, potrebbe passare all’altra sponda, sostenuto dall’agente Giampiero Pocetta molto vicino a Ferrero. In tal caso il principale candidato a seder sulla panchina della Sampdoria diventerebbe Roberto D’Aversa che a Parma ha lavorato con Faggiano e con Vincenzo De Vito, attuale capo scouting dell’Arezzo.

Daniele Faggiano, ex Ds di Parma e Genoa; Davide Vagnati, attuale Ds del Torino
Daniele Faggiano, ex Ds di Parma e Genoa; Davide Vagnati, attuale Ds del Torino

L’alternativa al dirigente salentino è Davide Vagnati. L’avventura professionale dell’attuale direttore sportivo del Torino potrebbe concludersi in caso di retrocessione dei granata e a quel punto, nel caso Faggiano dovesse sfumare, Ferrero potrebbe realizzare il sogno dell’ex Ds della Spal. Genoano e tifoso della Sampdoria, Vagnati potrebbe portare in Liguria Leonardo Semplici, tecnico con il quale ha costruito le fortune della Spal un paio di anni fa.

Hakan Calhanoglu, centrocampista del Milan

Calciomercato Milan, Calhanoglu ai saluti: duello Inter-Juventus

Esultanza Roma

Pellegrini-Ibanez: Ajax-Roma 1-2, semifinale ipotecata