Menu

Zidane tecnico del Real Madrid

Real Madrid-Shakhtar Donetsk 2-3: merengues horror, squadra in crisi?

Il Real Madrid all’esordio stagionale in Champions League contro lo Shakhtar Donetsk, in campo alle ore 18.55 per mettere subito il fiato sul collo ad un girone che vede come grande protagonista anche l’Inter di Antonio Conte, questa sera in campo contro il Borussia Monchengladbach.

Le merengues arrivano alla sfida dopo l’incredibile sconfitta in Liga subita contro il Cadice, squadra neopromossa nel massimo campionato spagnolo ed in grado di annullare i padroni di casa del Real, riuscendo a non subire neanche una rete. Un esordio che servirà alla squadra di Zinedine Zidane per cancellare subito la disfatta in campionato per ripartire proprio dall’Europa. Ecco come giocheranno le due squadre.

Leggi il Pronostico Live di Real Madrid-Shakhtar Donetsk e di tutte le sfide di Champions League

Real Madrid-Shakhtar Donetsk, le formazioni ufficiali

Real Madrid: Courtois; Mendy, Militao, Varane, Marcelo; Modric, Casemiro, Valverde; Rodrygo, Jovic, Asensio.

Shakhtar Donetsk (4-2-3-1): Pyatov; Dodô, Khocholava, Bondar, Korniienko; Marcos Antônio, Marlos, Maycon; Tetê, Dentinho, Solomon.

Real Madrid horror, lo Shakhtar si fa un bel regalo

Un Real Madrid che continua nel momento negativo di questo inizio di stagione e, se il Cadice non bastasse, anche la sconfitta rimediata oggi all’esordio nella massima competizione europea getta tanti dubbi intorno alla squadra allenata da Zinedine Zidane. Passa lo Shaktar a Madrid e passa dopo un primo tempo strepitoso, favorito anche dalla totale rinuncia spagnola che, in panne, concede troppo e rimedia anche troppo poco.

Lo Shaktar Donetsk bravo, anzi, bravissimo a sfruttare il calo mentale accusato dalla squadra madridista fin dal calcio d’inizio e prima con Tete al ’29, poi con l’autorete di Varane 4 minuti più tardi e, per concludere al meglio, la rete di Solomon al ’42 chiude la prima frazione di gioco con il totale controllo degli ospiti arrivati dall’Ucraina.

La ripresa cambia ed il Real Madrid inizia a ricordare la qualità dei propri protagonisti e tenta la rimonta impossibile. Un’impresa che poteva anche riuscire ai ragazzi di Zidane che accorciano dopo una manciata di minuti con la rete di Modric al minuto ’54 che restituisce convinzioni; il nuovo entrato Vinicius Junior raddoppia per le merengues 5 minuti più tardi, tra lo stupore degli ospiti che iniziano seriamente a soffrire.

Una sofferenza che durerà per altri 40 minuti e che si trasformerà in terrore quando al ’91 Valverde conclude in porta dopo una confusa azione di calcio d’angolo: la palla entra in rete ma il VAR, dopo il giusto consulto, annulla la marcatura restituendo, al fischio finale, la seconda sconfitta consecutiva per il Real Madrid (tra Liga e Champions League), gettando dubbi e ombre sul futuro della squadra. Zidane saprà risalire la china o si può annunciare l’inizio di una nuova crisi madrilena?

Ti potrebbe interessare

Back to Top

Ad Blocker Rilevato!

Il nostro è un giornale gratuito ed offriamo informazione regolarmente tutti i giorni senza richiedere alcun abbonamento. Le nostre uniche fonti di guadagno provengono dalle campagne pubblicitarie presenti sulle pagine del nostro portale. Per continuare a sfogliare le nostre pagine disattiva Ad Blocker per permetterci di continuare a coltivare le nostre passioni. Grazie mille e continua a leggere le pagine di Footballnews24.it

How to disable? Refresh

Add to Collection

No Collections

Here you'll find all collections you've created before.