Roma-Ajax, ten Hag protesta: “Ce l’ho con l’arbitro”

Dura la presa di posizione di Erik ten Hag, che accusa l’arbitro di non aver condotto bene la gara contro la Roma

Ten Hag, Ajax
Ten Hag, tecnico dell'Ajax

Il pareggio per 1-1 maturato ieri sera dall’Ajax di Erik ten Hag contro la Roma non è stato sufficiente ai Lancieri per l’approdo in semifinale. A far perdere le staffe al tecnico olandese le decisioni del direttore di gara: “Sì, ce l’ho con l’arbitro perché aveva giudicato l’azione regolare” – ha esordito – “Prima del gol ci sono stati tre passaggi. Così fa male”. Erik ten Hag pone l’accento sulla mancata consultazione della VAR, utile a suo modo di vedere per valutare azioni di gioco al limite: “Ci sono stati due episodi dove non si è consultato con la VAR, e parlo del rigore su Tadic e del fallo su Gravenberch. Un momento doloroso perché decisivo per la partita”.


Scarica la nostra App


L’episodio che ha fatto infuriare ten Hag riguarda il gol del 2-0, annullato per un fallo su Mkhitaryan inizialmente non concesso dall’arbitro. La direzione di gara di quest’ultimo è stata giudicata ampiamente insufficiente dagli olandesi, mentre la Roma ha recriminato un eccessivo utilizzo del cartellino giallo. Uno di questi è decisivo in quanto Gianluca Mancini salterà la gara d’andata contro il Manchester United, valevole per le semifinali di Europa League.