Atalanta-Roma, lotta per il quarto posto
in

Roma-Atalanta e Napoli-Lazio, incrocio da brividi per la lotta Champions

La 31a giornata di Serie A mette in primo piano un incrocio d’alta classifica da brividi. Roma-Atalanta e Napoli-Lazio vedrà quattro delle prime sette lottare per il quarto posto valevole la Champions League

Scontro Champions: Roma, Atalanta, Napoli e Lazio daranno spettacolo

Tensioni, sogni, speranze. Un vortice di emozioni spazzato via da un semplice fischio del direttore di gara, il via al doppio scontro Champions della 32a giornata di Serie A. Da quel momento in poi a contare sarà la testa, la concentrazione al minimo dettaglio, perché ogni singolo particolare sarà decisivo. La qualificazione alla massima competizione europea passa inevitabilmente dall’Olimpico e dal Maradona. L’incrocio Roma-Atalanta e Napoli-Lazio mette di fronte quattro delle migliori 7 squadre del nostro campionato, in questo momento dalla quarta alla settima posizione in graduatoria. I punti in palio sono pesantissimi in ottica quarto posto, considerando la sconfitta del Milan ma anche il successo della Juventus, certo non intenzionata a mollare. Lo spettacolo è assicurato, ma per qualcuno sarà inevitabilmente una tragedia.

Mario Rui (Napoli) e Zapata (Atalanta) @Image Sport
Mario Rui (Napoli) e Zapata (Atalanta) @Image Sport

Champions, Roma lontana: Atalanta in striscia

La Roma, tra le quattro sopracitate, è la squadra più attardata nella corsa al quarto posto. Sono ben dieci i punti che separano i giallorossi dagli avversari di questa sera, la lanciatissima Atalanta attualmente occupante la quarta piazza. I ragazzi di Gasperini vantano una striscia aperta di cinque vittorie consecutive in campionato, ultima quella nel big match con la Juventus, valsa il sorpasso in classifica proprio ai danni dei bianconeri. La truppa di Fonseca sta vivendo una doppia stagione fatta da soddisfazione europea e dispiacere a livello nazionale. La Champions League sembra un sogno irraggiungibile per i capitolini e la gara con l’Atalanta sa di ultima spiaggia per tentare una clamorosa rimonta. Tanto che pare più semplice per la Roma di raggiungere la qualificazione passando per il trionfo in Europa League.

A stuzzicare in particolare sarà lo scontro tra i due tecnici, Paulo Fonseca e Gian Piero Gasperini. La Roma e l’Atalanta sono accomunate da un calcio propositivo, dedito all’attacco, entrambe in grado di segnare molte reti. Due modi di fare calcio diversi, che nella difesa riservano le maggiori lacune. Senza dubbio la Dea, una realtà ormai solida con un lavoro quinquennale del Gasp, ha maggiori punti fermi ed osservando le voci di gol segnati (migliore della Serie A con 72) e gol subiti (quarta migliore insieme al Milan con 38) la differenza con i giallorossi è netta. L’Atalanta è squadra che sa difendersi ed arriva da un match in cui ha tenuto a secco la Juventus. La Roma pecca ancora di solidità in difesa e sebbene l’attacco difficilmente fallisca, sono troppi 47 gol incassati in campionato a fronte dei 55 siglati. Contro i nerazzurri la retroguardia capitolina non potrà sbagliare: ad attaccanti del calibro di Muriel o Zapata non potrà esser lasciato nemmeno uno spiraglio. Senz’altro, i padroni di casa hanno il “vantaggio“, sebbene all’ultima chance per agganciare il quarto posto, di non avere enormi pressioni addosso. Il Sassuolo è ancora a 5 punti di distacco e la zona Champions come detto sembra ormai meta irraggiungibile. Al contrario l’Atalanta in caso di stop, potrebbe ritrovarsi inghiottita da Napoli e Lazio.

Joaquin Correa attaccante della Lazio
Napoli Lazio, Correa in azione @imagephotoagency

Champions, Napoli-Lazio mettono nel mirino l’Atalanta

Al Maradona il Napoli ospita la Lazio, consapevole della ghiottissima occasione di allungare proprio sui biancocelesti, blindando il quinto posto e provando ad avvicinare il quarto. I biancocelesti invece, si sfregano le mani al pensiero del sorpasso ai danni dei partenopei, conquistando la quinta piazza con vista Champions. La sconfitta del Milan ha accorciato inevitabilmente la classifica, infuocando la lotta per i tre posti dietro la capolista Inter. Napoli e Lazio arriveranno alla gara di questa sera a pochi minuti dalla conclusione di Roma-Atalanta, consapevoli dunque del valore dei tre punti in palio. Se i giallorossi fermassero la Dea, gli uomini di Gattuso e quelli di Inzaghi avrebbero la chance di riportarsi sotto ai nerazzurri. Il Napoli arriverebbe a -1, la Lazio a -3 con la possibilità addirittura di pareggiare i conti con un successo nel recupero con il Torino.

Così come l’Atalanta, anche la Lazio sta vivendo un magic moment in campionato con ben 5 vittorie consecutive. Uno score aperto da proseguire con un Napoli altrettanto continuo prima della sconfitta allo Stadium con la Juventus e il pareggio nell’ultima contro l’Inter. Due rallentamenti comunque accettabili, contro due squadra più in alto in classifica e con ambizioni maggiori fin dall’inizio dell’anno. La Lazio arriva dal pirotecnico successo per 5-3 all’Olimpico con il Benevento, dove Simone Inzaghi ha rivisto gonfiare la rete ai propri attaccanti dopo un lungo periodo di digiuno. Un’ottima notizia per il tecnico piacentino che nel giro di una settimana si troverà di fronte anche il Milan. Se i biancocelesti dovessero continuare il filotto di successi, compreso il recupero con i Granata, riuscirebbero ad insidiare chi sta davanti per il quarto posto, mettendo a serio rischio anche Juventus e Milan, chiamate a non sbagliare. A sei giornate dalla fine, non poteva esserci una bagarre per la Champions League più spettacolare di questa.

Alex Meret

Calciomercato Napoli, futuro Meret: De Laurentiis può sorridere

Kakà, ex giocatore del Milan

Milan, buon compleanno a Kakà: il “bimbo d’oro” venuto dal Brasile