in

Roma, che fatica! Inizia finalmente l’era Friedkin

Dan Friedkin, proprietario della Roma
Dan Friedkin, proprietario della Roma

La Roma ha dimostrato una cosa importante: si può fare mercato senza direttore sportivo. E’ un bene? Probabilmente no, ma i fatti dimostrano quanto sia possibile operare senza qualcuno che conosca a menadito le dinamiche del calciomercato. La Roma si è affidata a Guido Fienga e a Morgan De Sanctis che, con la loro minima e forse insufficiente esperienza, hanno cercato di non far pesare l’assenza di un uomo di mercato. Il CEO, per sua stessa ammissione, ha detto di “non capire nulla di calcio”; mentre l’ex portiere giallorosso era di fatto alla sua prima vera esperienza di mercato.

Il bilancio complessivo, quindi, deve tenere conto di tutto ciò e di un cambio di proprietà che c’è stato lo scorso 17 agosto. Un giudizio che deve essere mitigato ma che non può non essere obiettivo. Ad inizio sessione, la Roma aveva due obiettivi: confermare Mkhitaryan Smalling. E, seppur con molte difficoltà, entrambi vestono al momento la maglia giallorossa. Ora, però, il calciomercato è finito e Dan Friedkin può finalmente iniziare a pianificare e a gettare le basi per la sua nuova Roma.

Chris Smalling, difensore della Roma
Chris Smalling, difensore del Manchester United

Roma, un mercato con il fiato sospeso

La Roma ha dimostrato che è possibile fare mercato senza direttore sportivo, ma il nuovo modo di lavorare e la mancanza di vere e proprie figure di rifermento hanno disorientato tutti: tifosi, giornalisti e addetti ai lavori che certamente hanno fatto ancor più fatica a capire come la Roma si stesse muovendo. E’ stato un mercato con il fiato sospeso e i tifosi, che speravano in una rapida sterzata, se ne sono accorti subito. La trattativa per Smalling ne è stata la dimostrazione, così come quella per Milik. Due operazioni che sembravano fatte, chiuse ed impacchettate ma che poi sono saltate, si sono riaperte e sono definitivamente saltate.

L’esperienza in certe situazioni è determinante. Sapere con chi bisogna parlare e sapere come muoversi può essere qualcosa di impagabile che nessun ti può insegnare ma con cui ti devi per forza scontrare e scottare. Nel mercato più difficile degli ultimi anni la Roma, però, nonostante i mille impedimenti, ha dimostrato di poterci stare e di essere una squadra che ha ancora il suo fascino. La trattativa Smalling, che alla fine si è chiusa con la fumata bianca definitiva, è il giusto premio per una società che ha dovuto fare di necessità virtù. Mancherebbe un esterno destro importante ma ora la Roma deve tirare il fiato e, soprattutto, deve farlo tirare ad una tifoseria che dal primo settembre non ha mai respirato e ha vissuto in apnea la sessione di mercato più difficile di sempre.

Gareth Bale, centrocampista del Tottenham in prestito dal Real Madrid

Inghilterra, da Cavani a Bale: tutti gli acquisti di mercato delle big di Premier League

Kyle Krause, presidente del Parma

Parma, mercato “giovane” ma costoso: Krause promosso