Roma, Kolarov: anche l’inchino diventa motivo di polemiche

58 views

Kolarov segna contro il Chievo, poi s’inchina davanti ai tifosi e divide ancora una volta il popolo giallorosso

ROMA KOLAROV INCHINO / Segnare continua a segnare, ma i tifosi della Roma ce l’hanno ormai con Kolarov a prescindere. Anche il suo gesto dopo la rete al Chievo, un inchino davanti al pubblico giallorosso che aveva seguito la squadra a Verona, è motivo di polemiche e di divisioni.

Sui social si scatenano le congetture. C’è chi dice che l’inchino è stato un modo di chiedere scusa: “Meglio tardi che mai“. Chi invece getta benzina sul fuoco: “E’ un’altra provocazione“. Qualcuno lo chiama mercenario, qualcun altro dice che è un uomo con gli attributi. Non bastasse questo, mentre la Roma stava abbracciando il giocatore per il 3-0, la curva aveva iniziato a insultarlo e a chiamarlo “Bastardo”. E’ questo il momento in cui il giocatore serbo si gira verso i suoi tifosi e fa l’inchino. Eusebio Di Francesco è convinto che fosse un gesto di scuse, per una parte del tifo romanista è solo l’ennesima mancanza di rispetto.

Il precedente dell’inchino nel derby

Embed from Getty Images

Forse molti tifosi della Roma hanno rivisto, in quel gesto, l‘inchino rivolto alla Monte Mario, verso i dirigenti laziali con cui non si è lasciato benissimo, durante il derby. In Serbia, però, parlano di esultanza tipica da parte di Kolarov, un omaggio al pubblico. Sulle radio romane, naturalmente, il dibattito è accesissimo.

Rita dice: “Noi romanisti, in quanto tifoseria, un calciatore come Kolarov che nel bene e nel male ci mette la faccia e il sangue, non ce lo meritiamo”. Andrea ribatte: Kolarov pensasse più al suo lavoro e meno a pontificare”. Nessuna spiegazione è arrivata dal giocatore per la gioia di un altro tifoso: “Meglio, meno parla e meno fa danni”.

Pure Roberto Pruzzo è intervenuto a Radio Radio: “Penso che le cose si stiano ricucendo. Tra due partite sarà tutto passato”. ‘Restiller’, su Twitter, ci ha fatto pure una poesia: “Il gol del terzino, dopo la lite, l’inchino. Anche con il piede fratturato, in campo sempre tutto ha dato. Tra tifosi e giocatore, l’As Roma rimane l’unico amore, tutti insieme bisogna remare per continuare a esultare”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

RESTA AGGIORNATO CON LE ULTIME NOTIZIE DELLA TUA SQUADRA DEL CUORE, CLICCA QUI




LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here