in

Roma, l’affare del secolo: tanti goal a parametro zero

Pedro (Roma)
Pedro (Roma) @Sky Sport

Nelle ultime due giornate di Serie A, abbiamo assistito ad un’efficientissima Roma: i goal della compagine di Paulo Fonseca sono arrivati grazie a Pedro ed Henrikh Mkhitaryan. L’attaccante armeno, nell’ultima partita, ha impattato le sorti grazie ad una tripletta. Entrambi i calciatori, al momento, sono i capicannonieri della squadra giallorossa: 4 goal a testa e l’allenatore portoghese, ovviamente, non può fare a meno dei due centravanti, decisivi fino a questo momenti.

Le reti messe a segno dall‘ex Barcellona e dall’ex United possono anche essere definite a costo zero, visto che Pedro, dopo 5 anni passati al Chelsea, è arrivato nella Capitale da svincolato, mentre Mkhitaryan è riuscito a risolvere il contratto con l’Arsenal. Una fortuna per la società giallorossa che non ha dovuto sborsare nemmeno un euro. Oltre al solito ed eterno Edin Dzeko la Roma, d’ora in avanti, potrà contare anche su altri due attaccanti d’esperienza che, oltre ai gol, hanno dimostrato di poter mettere i propri compagni nelle condizioni giuste per segnare.

L’armeno, rispetto allo spagnolo, risulta ancora più decisivo grazie ai 7 assist stagionali forniti fin qui. Un solido reparto d’attacco, ma anche un’ottimo centrocampo che è riuscito a trovare la via del gol in più di un’occasione, merito dell’ex Fiorentina Jordan Veretout, nonostante le reti del francese siano arrivate tutte dal dischetto del calcio di rigore.

Ottima partenza dunque sia per Pedro, sia per Mkhitaryan. La Roma occupa al momento il terzo posto in classifica e sogna anche qualcosina in più del quarto posto, valevole per l’accesso alla prossima Champions League. Fonseca se li coccola entrambi, consapevole del loro potenziale: “Dobbiamo gestire l’utilizzo di Pedro e Micki, o uno o l’altro. […] Non sono sorpreso della partenza di Pedro, l’ho scelto anche per questo, perché è un professionista esemplare dentro e fuori dal campo. Mkhitaryan? Giocatore molto intelligente, è uno che sa fare tutto. Una Roma bella e determinata, alla faccia di chi pensava che l’età anagrafica avrebbe potuto incidere negativamente sulle prestazioni dei due attaccanti.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Loading…

0

Vota Articolo

526 points
Upvote Downvote
Roberto Boninsegna, ex attaccante di Inter, Juventus e della Nazionale italiana

Inter, Juventus e il Mondiale 1970 con la Nazionale: Buon compleanno Roberto Boninsegna

Osimhen (Napoli)

Napoli, Osimhen: sconfitta e infortunio in amichevole