in

Roma, l’importanza dei cambi: Dzeko e Mhkitaryan gli assi in più

Roma batte 2-0 la Fiorentina @imagephotoagency
Roma batte 5-2 il Benevento: nella foto il gol del momentaneo 1-1 di Pedro @imagephotoagency

A saperlo, visti i risultati maturati, avremmo chiesto alla Uefa di giocare tutte le gare europee in trasferta. Insieme a JuventusAtalanta Milan anche la Roma esce vittoriosa da una trasferta europea insidiosa che si era fatta ancor più complicata dopo soli 10 minuti.

La squadra di Fonseca, però, ha saputo reagire allo svantaggio iniziale dando la sensazione di poter far male ad una buona squadra che stava effettivamente dimostrato il meglio di sè. Il tecnico lusitano probabilmente ha capito sin da subito quanto la Roma fosse superiore e ha anticipato i cambi.

La luce tecnica e tattica accesa da Dzeko Mhkitaryan ha di fatto piegato il sistema difensivo degli svizzeri che hanno pagato il diverso tasso tecnico dei due fenomeni giallorossi. Nonostante una formazione iniziale certamente particolare, tesa a preservare i migliori in vista della gara di Milano, la Roma ha vinto e si è portata in testa al girone. I giallorossi, dopo la gara contro il Benevento, hanno rimontato di nuovo il casuale e quanto mai immeritato svantaggio degli avversari che, oltre ad una grande vigore agonistico, hanno davvero poco da raccontare nel terreno di gioco.

LEGGI ANCHE  Roma, vittoria e problemi: Mancini e Ibanez out, la situazione

FOOTBALLNEWS24 CONSIGLIA

Fonseca se l’è complicata da solo e poi l’ha rimessa in piedi, portando la Roma a vincere una gara importante e difficile. I cambi, stavolta molto più precoci del soliti, hanno risolto una gara che i giallorossi stavano dominando ma senza mai essere davvero pericolosi. Dzeko Mhkitaryan, insieme a Pedro, sono la luce tecnica e tattica di una squadra giovane che può solamente migliorare e che deve farlo velocemente. L’esperienza conta e la qualità tecnica, a volte, conta ancor di più.

LEGGI ANCHE  Milan, Scudetto: sogno o una concreta possibilità?

Il gol dell’1-1 di Bruno Peres è la dimostrazione di quanto una visione diversa del calcio sia importante, specie a livelli ancora mediocri, ma che certamente cresceranno già a partire dal lunedì sera. La gara di Milano contro il Milan sarà un test fondamentale che Fonseca e la Roma vogliono vincere per scacciare quell’alone ingiustificato di mediocrità che la avvolge.

Vota Articolo

749 points
Upvote Downvote

Commenti

Lascia un commento

Loading…

0
Ciccio Caputo (Sassuolo) @Image Sport

I pronostici vincenti del 23 ottobre: Sassuolo avanti, attenzione al Valencia

Gennaro Gattuso, allenatore del Napoli

Napoli, nulla oltre al “solletico”: Gattuso non emuli Sarri