Roma, Milik e Morata bloccano Dzeko: quale sarà il futuro del bosniaco?

Milik, Morata, Dzeko: tre attaccanti con carriere profondamente diverse, ma le cui trattative hanno segnato il calciomercato di queste settimane. La probabile firma dello spagnolo con la Juventus dovrebbe chiudere la telenovela: cosa ne sarà dell'attaccante bosniaco della Roma?

Il calciomercato ci ha abituato negli anni ad intrecci, intrighi e colpi di scena. La trattativa tra NapoliRoma per Milik e la conseguente dei giallorossi con la Juventus per Dzeko non fanno eccezione. Nella giostra di bomber della nostra Serie A, ormai, si pensava fosse tutto ben definito: Milik alla RomaDzeko nuovo 9 della Juventus. Ma non in tutte le storie vi è un lieto fine, così il polacco è dovuto restare ancorato agli Azzurri. Oggetto del contendere? Un contenzioso legato ai diritti d’immagine con il presidente De Laurentiis, testimonianza di come la macchina del calciomercato possa incepparsi anche con il più piccolo degli ingranaggi.

Lasciando per un momento Napoli e spostandoci nella Capitale, c’è da scommettere che un velo di incertezza abbia colpito Edin Dzeko. Il capitano della Roma non ci ha messo molto a definire i termini personali del trasferimento con la Juventus, tanto che Fonseca lo ha lasciato in panchina nello 0-0 a Verona, quando inserirlo per sbloccare la faccenda appariva scontato. Ora, la vicenda Milik ha bloccato il suo addio, Paratici ha scelto Morata ed è proprio la gara con i bianconeri che segnerà l’esordio in campionato del bosniaco. Ma in che modo avverrà?

Roma, Dzeko sarà un riferimento? Alla fine ha perso Milik

Il discorso relativo a Dzeko esula dall’aspetto tecnico. Il calciatore fa la differenza, nonostante l’età avanzata e tutto fa pensare che guiderà l’attacco della Roma anche in questa stagione. Tuttavia, resta da interrogarsi sul perché i giallorossi intendessero metterlo da parte per un attaccante più giovane come Milik sondando anche il profilo di Jovic – perché è vero che se la Juventus chiama è complicato rispondere di no, ma è altresì innegabile il ruolo di Edin a Trigoria e sul prato dell’Olimpico. Il rischio è che perda un pezzo di sé, quello status da punto di riferimento ed indispensabile per vecchi e nuovi calciatori della Roma.

Nel frattempo, con la Juventus che fissa le visite mediche di Morata, è proprio Milik l’unico effettivo scontento. A meno di clamorosi colpi di scena, resterà a libro paga del Napoli anche in questa stagione, in cui però dovrà sudare per rientrare nelle rotazioni di Gattuso. Il tecnico è stato chiaro: “Ho Osimhen e Petagna, Milik non ha rinnovato. Dovrà trovarsi una sistemazione”. Come anticipato all’inizio, nessun lieto fine per il polacco: una storia che si rispetti ha un vincitore e un vinto, ma in questo pazzo giro di punte c’è il sospetto che non abbia vinto nessuno. Nessuno, tranne il calciomercato.

NOTIZIE PER TE

Roma, a Milano senza Smalling e Mancini: servirà una prova da Champions

Dopo un'estate tormentata in virtù delle vicende insistenti di mercato che hanno visto coinvolti in particolar modo Edin Dzeko, in uscita ad un passo dalla Juventus, e Smalling per quanto...

Roma, Mancini positivo a Covid-19

Il Covid-19 non da tregua alla Serie A. Anche la Roma colpita proprio a pochi giorni di distanza dalla super sfida di San Siro contro il Milan. Lo ha...